Il paese del camminare.

Il percorso che faccio oramai ogni giorno è sempre lo stesso. Il mio paese cioè Canali (RE) è collocato nel verde pur essendo a 5 minuti da Reggio Emilia. Io ho la grande fortuna di abitare nel quartiere più “”VIP” di Canali, quello dove la terra al metro quadro costa un occhio della testa! Per farvi capire meglio:  se uno vuole acquistare a Canali un modesto 60 mt quadrati, spende tanto come x comprare una casa singola verso Quattro Castella, Massenzatico, Marmirolo, Barco o Bibbiano. Che non sono altro che deliziosi paesini sempre nel verde un poco più spostati rispetto al centro storico, ma pur sempre gradevoli e pittoreschi! Poi dipende sempre dal portafoglio di ognuno di noi…

Grazie ai possedimenti ed alle terre donatemi dai miei genitori,  quando erano ancora in vita, ho potuto acquistare questa villetta speculare ad un’altra a 4 piani per un totale di circa 300 mt quadrati.

A parte la mole di lavoro x pulirla tutta, a parte i 4 bagni, le 4  camere da letto, i terrazzi, la loggia, giardino e veranda, salone, cucina enorme e tutto il testo, ho anche il mio atelier dove tengo esposto il vintage da vendere. 

 Sono stata molto fortunata ad essermi potuta permettere di decidere nel 2006, (Alice Aurora aveva 1 anno!) ad acquistare questa bellissima casa nella quiete e nel silenzio. Pur essendo come vi raccontavo prima a 5 minuti da RE, a 1 minuto a piedi dal centro di Canali con tutte le comodità che un paese deve avere. Scuola Elementare, 2 scuole materne, parrocchia con relativo oratorio, scuola di musica, farmacia, 4 bar pasticceria, gelateria, una gastronomia che pero’ dopo solo 1 anno dall’apertura, ha gia’ cambiato 2 gestioni.

Abbiamo il ns pediatra, il mitico dott Gherardi Eugenio, ci sono ben 2 veterinari, ( Canali è colma dei ns amici gatti e cani..) ah proposito le foto dei miei amici poliziotti le ho scattate nel.giorno del giro d’Italia a Reggio in centro storico, venerdì 19/5/2017!

  Proseguo con 3 parrucchiere,   ma io ho cambiato la mia storica,  due mesi fa.Ora vado da un’🎵 altra e mi trovo molto meglio!

Spendendo a proposito….la metà x risultati molto migliori.

Eccomi qua con  mia amica storica  Marina ed Augusto

 Abbiamo 2 forni x il pane, l’estetista, 3 ristoranti/pizzeria, una pero’ non sta andando molto bene e ci sono tutti i presupposti affinché chiuda i battenti! 

Insomma non manca nulla! Abbiamo anche 2 linee di autobus che conducono in città! Quando invece ci si potrebbe andare benissimo a piedi o in bicicletta, ma si sa che l’essere umano è pigro ed indolente. Poi non venitemi a dire che siete sovrappeso ed io come faccio a Pesare 54 kg e non 10 di più come tante mie amiche!  
Chiudo con MARINA davanti al palco in piazza del Municipio che è anche venuta molto bene,! Anche se lei (57 anni!🔔🔔🔔🔔📯📯📯) dice che non è fotografica!

Concludo questa carrellata simpatica facendovi vedere come sono ridotta dopo 70 minuti di camminata a passo molto veloce, NON CORRETE GENTE, MA FATE COME ME.  CAMMINATE! È FACILE VERO? CE LO INSEGNANO DA BAMBINI! Poi dentro a questo malizioso baby doll, ci entrate anche voi! 

Un week end indimenticabile. 

C’è poco da aggiungere. Armonia, tanto sole, spesa gigante( spesa media ogni 15 gg sui 170/180 €., all’ Affare ( gruppo Rossetto..) che tra l’altro il 4 giugno chiude  sino a settembre x ristrutturazione! Ieri mattina prima visita al cimitero da mia suocera. Al pomeriggio nonostante un acquazzone colossale, sono voluta andare al cimitero da nonna Ione( a Mulazzano prov. di Parma..)dopo secoli che non andavo. Lo sapete che odio i funerali tradizionali e non sopporto i cimiteri, ma il desiderio di andare da nonna era troppo grande. Anche se là sotto lo so benissimo che dopo 40 anni che è mancata ci sono solo ossa. Comunque le ho portato 2 girasoli e quando sono arrivata diluviando.  Ma io sorriso della sua foto mi ha indotta a baciarla senza sosta come lei fosse ancora in casa con me. Non la dimenticherò mai così come non dimentico mia suocera Luigina e devo dirvi che mi manca molto! Oggi mercatino delle pulci ed ho fatto acquisti a go go, poi il 4 giugno farò l’ultimo grosso mercato del vintage….ho camminato con mio marito e preso il sole nel mio cortile.  Ma soprattutto sto lentamente riprendendo a dormire 5/6 ore in fila….non è poco x me. Buona domenica sera a tutti😊, oramai ceno poi TG 5 e di corsa a letto a vedermi Fazio. Se non mi ci addormento davanti!

Oggi ho fatto il ripulisti.

Quando ci vuole ci vuole,  era ora e passava! Al 18 di Maggio mi sono decisa a prendermi un pomeriggio di pausa, ho spento il mondo esterno e ho fatto il cambio biancheria e non solo! Non mi decidevo mai e non ne avevo assolutamente voglia.  Sarà che il tempo sino a pochi gg fa non è stato clemente, saranno state le notti nelle quali ho dormito male con i famosi risvegli notturni, fatto sta che avevo dei cassetti e degli armadi da fare paura!
 L’ultima faccenda della morte di mia suocera non è stata da meno e così avevo una scusa in più per prolungare l’odissea del cambio biancheria. Cavoli! Oggi pomeriggio8 delizioso tra l’altro! Sole con un venticello che ispirava a camminare,  ho preso il toro per le corna ed ho buttato anche una marea di diagnosi, esami antichi,  dischetti di RM vecchie come il pan del cucco, prescrizioni oramai da Museo! Le tengo tutte in un raccoglitore, divise per argomento sanitario,  e sono dentro ad una carpetta trasparente di quelle con i buchi per i raccoglitori.  Se volete ridere un po’ prima di cena, vi faccio l’elenco dei miei qui pro quo, che forse tutto sommato sono anche i vostri. Partirei da uno dei problemi che in passato mi ha attanagliato di più (vi ricordate il mio ennesimo blocco alla schiena dell’anno scorso, dovuto  alle mie adorate ernie al disco?). Partiamo dunque da: ernie al disco, epidurale alla schiena,   analisi del sangue ed urine, cervicale, emicranie, problemi al trigemino, ascessi dentali e relative panoramiche, ( roba del Medioevo!), mammografia, visite ginecologiche, visite senologiche con abbondanti palpate da parte dei dottori uomini o donne ( che fossero un po’ lesbiche??), la MOC perche’ si sa che in menopausa c’e’ il rischio osteoporosi, analisi e prescrizione della vitamina D, che ho a zero, tunnel carpali  (tutti e 2 ovviamente!), interventi alla cuffia dei rotatori, spalla dx e sx ( per par condicio le ho fatte tutte e due). Voi direte o,penserete,  ma questa qua che a 53 anni si dà ancora delle arie e crede di essere ancora bella e giovincello,  in realtà è proprio un catorcio umano!!😁😁😁😁

Proseguirei con: ragadi anali( uno dei dolori più brutti di tutta la mia vita), colica renale, ( un altro di quei dolori insopportabili..), gastroscopia,visite oculistica e,  campo visivo, esame della cornea x sospetto glaucoma che poi non ho! Insomma, chi piu’ ne ha piu’ ne metta, e mi scappa da ridere mentre scrivo! Andiamo avanti con: alluce valgo, 
tac completa  addome, colloqui con lo psicologo, ernia iatale…..poi le altre non me le  ricordo! E allora sapete cosa ho fatto? La metà di quei famosi “incartamenti” come diceva mio papà, li ho buttati in un bel sacco dell’immondizia, dato che lunedì passano a ritirare la carta! Sono poi giunta  a piegare e riporre maglioni, tute felpate, camicie da notte invernali, sciarpe, canottiere di lana, guanti, berretti, colbacchi ( il dottor Zivago e poi piu’)…anche qui eliminandone la metà,  poi sono arrivata ai calzettoni di lana, calzamaglia stile Super Pippo e collant….tutti puzzolenti naturalmente e tutti già in lavatrice  a 30 gradi! Cos’ ho dimenticato??Ah già! Stamattina ho buttato un quintale di medicine: molte scadute, parecchi ansiolitici che non voglio più vedere e che tutto sommato non risolvono i miei problemi,  Melatonina che non serve ad un tubo ma solo ad arricchire i farmacisti, triptofano x i risvegli notturni che fa tanto come una camomilla doppia!  Sciroppi per la tosse, GEFFER x digerire ( siamo tutti e due in dieta ferrea), antibiotici,  Zimox x un reggimento,  1 termometro rotto, caramelle balsamiche schifose solo a guardarle, CO EFFERALGAN e TACHIPIRINA che non posso più prendere perché mi fa venire un rash cutaneo da sembrare una con la varicella! Mi chiedo cosa continuavo a tenere tutta sta farmacia in uno scatolone enorme ed inquietante. Anche Alice si spaventava e diceva sempre” ma Mamma noi quando andiamo in vacanz lo prendiamo con noi tutto quello scatolone lì ? Forse in valigia non ci sta..” aveva ragione, ora il nuovo contenitore è una piccolissima cestina di plastica tipo quelle dove si tengono dentro i collant puzzolenti, ma proprio piccola piccola e dentro ci ho lasciato l’indispensabile x la sopravvivenza!  Poi se volete giocare un pochino con me, vi dirò anche cosa sono quei 3 profilattici piu in alto, fatti all’uncinetto di fine ‘800, che naturalmente vista la dimensione ed i buchi, profilattici non sono!.) Sono infine arrivata alle fotografie, quelle vecchie e zero recenti,  ed in quel momento temevo di avere un cedimento nel rivedermi piccina, poi giovane ragazzina, poi vedere Riccardo ed Alice piccola, mio papà che non c’è più,  mia mamma al ricovero ed anche mia sorella con la quale c’è maretta da febbraio…Ed invece no cari amici, anche in quel frangente niente lacrime ma un altro mezzo sacco di fotografie che andranno nella carta assieme alle diagnosi antiche.  Lacrime? Zero assoluto ! Soddisfazione? Alle stelle! E meno male che ci sono i costumi tg 42 pronti e nuovi da sfoggiare: made in UPIM,  COIN,  TEZENIS, YAMAMAY…NON VEDO L’ORA DI INDOSSARLI! 

Le minime e le massime del giorno.

Chi ha tempo non aspetti tempo.

Chi fa da sé fa per tre. 

Meglio un uovo oggi che una gallina domani. (su questo ho dei seri dubbi..)

Chi troppo vuole nulla stringe. 

Donna baffuta sempre piaciuta.

Donna pelosa donna virtuosa. 

Donna al volante pericolo costante ( x me è verissimo.)

Ogni riccio è un capriccio.

Chi è causa del suo mal pianga ( forte et copioso) sé stesso.

Scagli la,prima pietra chi non commette errori.

Chi trova un amico trova un tesoro.

Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca.

L’uomo, il pito( il tacchino) e l’asino, sono tutti uguali.

Gli uomini al buio e sotto alle lenzuola sono TUTTI uguali ( non è vero!).

Chi di verde si veste, della propria beltà s’avvede.

Chi va piano va sano e va lontano.

Chi si loda s’imbroda ( cioè si fa la cacca addosso)

Parenti serpenti, cugini assassini, fratelli coltelli,  amici nemici, cognate falsate, sorelle fringuelle..

Se ti fermi ogni volta che un cane abbaia, non arriverai mai a destinazione.

Un grammo di fortuna vale più di una libbra d’oro.

I soldi non fanno la felicità, ma è meglio piangere dentro ad una Ferrari che rannicchiato dentro ad una 500 scalcinata.

…. e per concludere questo bellissimo inizio di giornata, vi dico che questo  non è più un blog, ma un diario quasi personale, ove da ieri in poi preferisco raccontarvi di me, cercando di tenere per me i segreti ed i fatti più importanti che rigaurdano me stessa e  la mia famiglia. Questo ora sarà  il mio nuovo modo di fare scrittura,  mi ci ritrovo molto meglio e sento più diretto il contatto con voi. Se devo scrivere postando una foto e 2 misere parole, oppure riportare fotografie sciocche senza metterci del mio, non mi sento piu di farlo come in passato e non scriverei più pubblicamente. Ma  chiuderei il diario senza pensarci 2 volte e senza più pause di riflessione lunghe mesi come ho fatto in passato. Ora scrivo e basta, per me, per voi e per i posteri che verrano dopo di me. Decido che non è ancora arrivato il momento di chiudere i battenti, decido per il dialogo diretto con voi. Chi mi conosce bene bene bene, e siete veramente pochi! Sapete che quando scrivo ci metto tutta la mia anima, il mio cuore e anche  (perdonatemi la vanità!)
tutta  la mia esperienza,  accumulata dopo 40 anni di scrittura ovunque, meno che sui muri. Ho optato da qualche mese x questo tipo di rapporto con voi, sincero e leale, senza fronzoli  e senza gif, ma solo un dialogo vero e non costruito tra Fabiana Schianchi U., e voi. Spero dunque che continuiate a leggermi,  magari con piu’ attenzione e continuita’. Lo dico ai vecchi e fedelissimi amici ed ai nuovi che forse incontrero’ nel mio nuovo cammino. Come dire ragazzi: 

chi ama mi segua, gli altri cambino pure diario tranquillamente.

Con un sorriso solare, la vostra amica Fabiana,


Siamo gente strana  o solo curiosa?

Nei 5 anni trascorsi dall’apertura del mio diario virtuale, ne ho viste di tipologie di comportamenti e movenze falsate e false, messe in atto anche da gente per me sconosciuta. Molte frasi di ricerca in rete, hanno condotto queste persone al mio diario, alcune incuriosite x cio’ che scrivo sono rimaste e si sono unite al gruppo. Altre, immagino la strada grande maggioranza hanno dato uno sguardo più o meno approfondito, poi hanno tirato dritto per altri blog. Mi piace da sempre studiare e cercare di capire i comportamenti degli esseri umani,  che solo in apparenza potrebbero risultare stupidi o banali. Invece mi sono resa conto con il passare degli anni,che dietro ad ogni azione, ad ogni parola, ad ogni comportamento spesso falsato o condito ad hoc a seconda della circostanza c’è un perché.  E questo perché non sempre e’ chiaro e preciso.  Ma c’è anche un ma, oltre ad un perché. L’individuo che compie il gesto o l’azione, colui che dice cavolate grandi quanto l’Oceano Atlantico a meno che non sia un pazzo schizofrenico, sa esattamente il perché le dice o le fa. Ho creduto per decenni alla perfezione della mia famiglia ed ai suoi componenti,  ho bevuto tutto ciò che da loro mi veniva propinato, senza risparmiarmi sul bere a go go.  Ho ingurgitato bugie e menzogne da farmi venire una colossale e non ancora passata sbornia nonché un’ indigestione di schifezze, che quando sara’ il momento giusto scrivero’ in un libro. Ora non posso, purtroppo molte persone che mi hanno fatto molto male sono ancora viventi, poi ci sono i miei figli da tutelare. Quando anche l’ultimo dei mohicani sara’ cremato allora potro’ scrivere tutto in santa pace, forse nin interessera’ a nessuno cio’ che avro’ da dire, ma io una volta x tutte mi sentiro’ piu’ leggera.  Solo la saggezza e l’intelligenza di mio marito nonché la sua neutralita’ ed imparzialita’ sono state doti per me provvidenziali, per farmi aprire gli occhi anche se in eta’ matura. Ma come dice il proverbio” meglio tardi che mai”. 

 Sono conscia che tutte le famiglie non sono quelle del mulino bianco, sono consapevole che in ogni coppia ed in ogni legame di sangue ci sono problemi  di varia natura, però guarda caso le rogne e le magagne più grosse nascono quando si tratta di soldi. Toccate tutto di un uomo,  ma non il suo portafoglio.  Anche tra figli e padri,  tra fratelli e sorelle, tra parenti ed affini per le maledette eredita’ gli uomini e le donne danno il peggio di loro stessi. Il  mio papà lo diceva sempre “chi non ha la sua croce da portare,  ha un crocione”. Certo che svegliarsi un bel giorno dal proprio mondo incantato ove tutto brillava di soldi, di benessere, di regole, di buone maniere,  di vacanze, di agi, di amore  ((spesso finto o falsato da gelosie patologiche, vedi mia madre…) e ritrovarsi dentro a quel famoso barile si merda allo, stato liquido, non è molto piacevole. Non voglio dirvi che mi sono svegliata stamattina e ho scoperto tutte queste belle cosette, sono anni che ci studio sopra e sapete che cosa vi dico?  Che della mia famiglia d’origine chi per un verso chi x un altro, non salvo praticamente nessuno. Ho avuto certamente anch’io dei momenti allegri, ho fatto i miei begli errori, madornali a volte, ma accipicchia! Ero contornata da una tribù di falsi e bugiardi,  dove ognuno badava solo a fare soldi e a farne tanti, arricchendosi a volte anche con menzogne e  tradimenti ai danni degli altri componenti della famiglia. I miei genitori?  Sì ok va bene lo so, due grandi contadini lavoratori indifessi,   ma anche loro hanno fatto errori di valutazione colossali che si sono poi riversati anche ai miei danni.  Lascio stare i defunti, per il quieto vivere e x non arrecare ulteriore dolore a chi è rimasto. I figli? Quello grande è da quando è nato che mi procura molti dolori e dispiaceri e poche gioie, e ancora non ha finito.  Anche se è un bravissimo ragazzo, un gran lavoratore,  per carita’!  serio e dedito solo al lavoro, a suo padre con il quale abita da anni e alle cazzate mentali alle quali ancora non ha rinunciato! Per quei pochi ed intelligenti amici virtuali che mi leggono da sempre e mi capiscono, dico loro che questo NON è uno sfogo serale del martedì sera prima di sera.  Per carita’ ragazzi! È solo una constatazione “amichevole” di quello che mi è successo in 53 anni di vita dove ognuno dei miei cari mi ha presa x il c., usata, danneggiata, seviziata,  raggirata. Il tutto per il tornaconto di ognuno di loro, chi più chi meno, chi con piu’ astuzia ed ingordigia oppure chi gnocca (stupida x natura) non aveva capito. …Chi NON butto giù dalla torre stasera? Sicuramente  mio marito, mia figlia  (x ora..) mio figlio lo tengo  ancora per un po’ a testa in  giù,  mia sorella Giuliana.? Boh,! Ha già i cavoli suoi ai quali pensare e comunque forse senza saperlo, del male me ne ha fatto anche lei. Io comunque vado avanti a testa dritta, consapevole dei miei errori del passato e di quelli che in futuro farò,  ma cosciente di aver imparato  una bella lezione.  Gli esseri umani non cambiano  signore e signori, con il tempo la gente ed i loro caratteri possono solo peggiorare. E gli sprovveduti come me che ci avevano creduto che le persone potevano cambiare….beh! L’hanno presa proprio nel  deretano. E se io cominciassi 

da oggi a darle un po’ indietro le inchiappetate  che ho pteso? Nooooo non ne sono capace, meglio continuare a prendere l’ultimo raggio di sole prima di cena. 

Sempre vostra, Fabiana. 

Un fatto grave e preoccupante. 

Scrivo x mettere al corrente i miei concittadini  di due fatti entrambi gravissimi, compiuti da parte di un corriere SDA delle PT di Reggio Emilia.  Cerchero’ di essere il piu’ chiara e neutra possibile nell’esposizione dei fatti, anche se la paura non mi è ancora passata. Giovedì 14/4/2017 passa da casa mia a Canali, un corriere SDA x recapitarmi un pacco. Io non sono in casa, sono fuori x fare la spesa e in casa c’è solo la mia bimba di 12 anni. Invece di lasciarmi l’avviso x andare a ritirare il pacco nell’uff. Postale in Stazione, appone al mio posto la mia firma, falsificandola. Trattasi quindi di firma “apocrifacome si studia in Diritto a scuola. Torno a casa verso le 13 e trovo il pacco messo nel mio cortile, lo apro e trovo l’intero contenuto in briciole. Chiedo a mia figlia chi è che ha firmato la ricezione del pacco e la ragazzina,  piccola ma non stupida! Mi risponde che ha firmato il corriere e poi se n’è andato via correndo. Faccio quindi il necessario reclamo alle PT il 21/4 x avere il rimborso della somma, somma che peraltro devo ancora ricevere. Narro ora il secondo fatto ancor più grave e x me traumatizzante. Mercoledì 10/5 torna a casa mia lo stesso corriere SDA, suona e ha un altro pacco da consegnare.  Gli chiedo ragione del perché ha falsificato la mia firma e pretendo spiegazioni plausibili. Come risposta ha iniziato ad urlare, a dirmi che IO gli stavo facendo “stalker”, urlava di non toccarlo, nessuno lo toccava, per carità! Mi fotografava con il suo cellulare e, con gli occhi fuori dalla testa,  mi ha detto che ci saremmo trovati fuori da casa mia per regolare i conti. Non ho neanche terminato di mettere la mia firma  x esteso x l’ avvenuta ricezione, che mi ha dato il pacco in malo modo, rischiando che andasse rotto il contenuto x la seconda volta. Come risposta ha iniziato ad urlare, a dirmi che IO gli stavo facendo “stalker”, urlava di non toccarlo, sembrava INDEMONIATO, mi fotografava con il suo cellulare e, con gli occhi fuori dalla testa,  mi ha detto che ci saremmo trovati fuori di casa mia  per regolare i conti. Non ho neanche terminato di mettere la mia firma per esteso x l’ avvenuta ricezione, che mi ha dato il pacco in malo modo, rischiando che x la seconda volta, andasse rotto il contenuto. Ho provato ad andargli incontro, nel mio vialetto di casa,  chiedendogli gentilmente di scendere dal camion x parlare in modo civile, ma lui continuando con le minacce,  se n’è corso via. Dal momento che ero sola in casa e dal momento che il signore era fuori di sé e poteva anche mettermi le mani addosso, impaurita e con le gambe che mi tremavano, ho immediatamente telefonato al punto SDA di Reggio Emilia x riferire il brutto accaduto. Morale della favola: il signor corriere è stato sospeso dal servizio e gli verrà decurtata anche una somma di danaro. Come dire, le Poste Italiane, si sono dimostrate intelligenti e hanno capito i 2 fatti gravissimi capitati dunque x mezzo della stessa persona alla stessa persona.  Volevo ringraziarli di cuore, per cio’ che hanno fatto x un cittadino normale, che ha avuto la sfortuna di imbattersi x ben 2 volte di fronte ad una persona un tantino…agitata. Sperando di non trovarmelo mai più davanti.

Fabiana Schianchi.

L’ipocrisia umana non ha limiti.

Sono fresca di sepoltura del mio quarto famigliare stretto.  Domenica 5/5 abbiamo sepolto mia suocera Luigina, anni 87 e ancora una volta la “sceneggiata” ha avuto luogo. Scrivo da diversi anni, amo l’espressione del pensiero in tutte le sue forme. Scrivo non solo su questa piattaforma, ma anche su riviste e quotidiani locali. Diverse altre volte ho trattato l’argomento “decessi & funerali ” e relativi comportamenti dei superstiti. Da che ho memoria, cioe’ da quando i miei genitori mi obbligavano ad andare sulle tombe dei nonni il 2 Novembre, gli ingredienti e gli atteggiamenti dei partecipanti sono i medesimi

Andiamo con ordine e partiamo da quei  parenti  (serpenti diceva il mio povero papà…), che si fanno vivi solo ed esclusivamente in occasione dei funerali e dei matrimoni. Quest’ultimi celebrati sempre in numero minore, dato l’altissimo costo della vita e la propensione alla convivenza o alla scelta ancor più comoda, di restare in casa con mamma’. Mi sono ritrovata a baciare e ad abbracciare  calorosamente, (cosa x me molto fastidiosa se fatta con sconosciuti) persone mai viste o viste solo ad un matrimonio circa 15 anni fa e poi mai più. Passiamo ai di lor commenti che fioccavano numerosi, di diversa natura, e con paroline beh non tutte compiacenti! .Poi la frase di rito” ma quanto era brava e buona la defunta,che  3 figli maschi meravigliosi che ha avuto, ma che belle  nuore ( e qui si apre un mondo..) le 3 nipoti femmine. Peraltro tutte mancanti perché tutte e 3 in gita scolastica!  Le occhiate non certo benevole su come l’avevano conciata i necrofori: vi assicuro che era piu’ decorosa e piu’ Luisa appena morta che dopo la vestizione ed il trucco! Posso dire che più che in una camera ardente, eravamo ad un ritrovo ciarliero in un bar di periferia  con tanto di risate e battute da parte di parenti, amici, condomini, passanti…che dopo i baci di rito e le solite trite e ritrite frasi, non vedevano l’ora di andarsene a casa. Arrivo agli altissimi costi di un funerale tradizionale con tanto di acquisto del loculo, cassa in noce chiara ( neanche tra le più costose…) i cuscinetti dei fiori, immancabili! e marciti dopo poche ore al cimitero dato che pioveva che Dio la mandava! I ricordini con la foto? Beh quelli non possono mancare! L’avviso nella via? Beh con 100 € te lo attaccano divinamente! La foto che va nei ricordini, sulla cornice del tavolino, sulla lapide, non può non esserci, ma ci voleva un ritocco perché si vedeva la testina di mia figlia. E allora con altri euro sia fatto il fotoritocco! Non elenco il resto….anzi! Perché no: la mancia al frate che ha detto la messa, il rinfresco offerto dopo la sepoltura, il pranzo ai fratelli, cognate e vedovo….ed altre sciocchezze puramente inutili. Insomma, non vogliatemene ma ho assistito ad un’altra messa in scena in piena regola. Ma queste erano le sue volontà e sono state rispettate, con la famosa frase a conclusione di tutto “non fiori ma opere di bene all’Hospice Madonna dell’ Uliveto di Montericco a Reggio Emilia. L’unica cosa valida e giusta, che ha la mia piena condivisione, se mai può servire a qualcuno il mio parere. Ancora una volta sono felice che la mia famiglia , me compresa abbiamo optato secoli fa x la cremazione. Casse rigorosamente chiuse, cosi evitiamo le frasi” com’e’ bella! Sembra che dorma! Niente fiori o ricordini, cassa ecologica di cartone ( tanto va bruciata!), niente abito della festa con quel che costano i miei, tutti firmati! Un lenzuolo bianco vintage a mo’ di sudario e buonanotte ai suonatori.Dato che sono ancora credente, anche se la mia fede vacilla parecchio ultimamente, vorrei che chi rimane dopo di me,  mi ricordasse ai giorni nostri perché anche se tra poco compio 53 anni…credo di essere ancora passabile! E chi s’è visto, s’è visto. 

Io e te ancora insieme.

Non riuscirò mai a recidere quel cordone ombelicale che oramai ha 53 anni. Non dimenticherò mai, non cancellero’ il passato, mi farà da guida per il futuro. Il mio doloroso e triste passato non lo ripeterò di certo con nessuno dei miei 2 figli. Ma le voglio ancora bene, i mille baci che mi dà sulla guancia non mi lasciano indifferente. È più forte di me: non riesco ad odiarla.