Abbracciami.

Mi mancano molto. E’ la cosa che mi manca di più da quando il carogna virus ha fatto l’ingresso nelle nostre vite. Mi mancano le carezze, i baci, ma soprattutto gli abbracci. Quel sentirmi avvolta e stretta, al sicuro, protetta. In un abbraccio c’è molto da dare e tantissimo da ricevere. In alcuni Paesi so che ne hanno fatto una terapia e alcuni volontari si prestano x abbracciare chi lo richiede, chi ne ha bisogno, chi soffre di solitudine e malinconia. Dentro ad un abbraccio c’è il calore materno, i vaghi ricordi di quando venivano allattati da mamma, ci sono pianti e sorrisi, rassicurazioni e promesse. Mi mancano quelli delle mie amiche, dei miei nipoti, di mia sorella….mi mancano tantissimo anche gli abbracci di chi non è più con me su questa terra. E quelli anche quando il COVID se ne andrà, non li riavrò mai più.
Giuliana e Fabiana Schianchi

(.foto privata)

Attenti alle parole!

Significato della parola condividere: avere in comune CON altri. Dividere, spartire con altri. Si possono condividere con altri tantissime cose che vanno da quelle materiali a quelle spirituali o psicologiche. Si condivide un’eredità, un viaggio, un pranzo, un amore sperando di essere solo in due a condividerlo. Ma c’è uno stato d’animo che non è possibile dividere in tanti pezzettini o addirittura averlo in comune con altre persone: il dolore. Ognuno di noi sente il proprio, lo manifesta e lo vive in modo personale, usa metodi e stratagemmi a lui consoni e guarisce da esso( ammesso che si possa mai guarire da un grande dolore) con i propri tempi biologici. Il dolore a mio avviso è e rimane un fatto personale ed intimo che non si può condividere con altri. Le parole di conforto e di buonismo ricevute non fanno sì che esso passi, solo chi soffre veramente sa cosa significhi. E non deve buttare addosso ad altri questi stati d’animo privati e personali.

Buon lunedì 7 Settembre 2020.

Anticipazioni nuovo blog

Come vi accennai il 29 Maggio, il tempo di questo blog è terminato. Il viaggio all’interno di me stessa misto ad altri aspetti che ho voluto sviscerare, termina con tante domande che non hanno ancora trivato risposta. Esso rimane aperto e risponderò a tutti i commenti che vorrete gentilmente lasciare. Avete otto anni di articoli scritti per un totale di circa 1600 post!! Ma la vita nonostante tutto deve andare avanti, l’economia ora in ginocchio per cause risapute e ben note deve necessariamente continuare a girare. Così il mio tecnico informatico provato dalle 1000 e una richiesta, privato perché è il marito della sottoscritta, sta terminando gli ultimi aspetti del nuovo blog. Ho deciso di aprire un nuovo blog che parli solo ed esclusivamente del mio appassionante lavoro: la vendita dell’antico e del vintage. Di me SAPETE quasi tutto, direi che sapete troppo! basta leggere il vecchio blog, invec3 del mio lavoro o passione vuscerale direi che ne conoscete molto poco. Siamo partiti da zero, con un nuovo dominio ed una nuova veste grafica, nuove impostazioni, nuovo logo, nuove attrattive. Abbiamo pagato quanto dovuto, per avere più spazio e più funzioni tecniche, soprattutto ho voluto un blog con molti giga a disposizione per esporre e spiegare gli oggetti che metterò in esposizione e di conseguenza in vendita. La costruzione di un blog da zero vi potrà sembrare semplice, ma gli aspetti e gli ostacoli che si incontrano sulla via sono molteplici. Ho cercato di farlo preparare a mio Corrado il più chiaro e semplice possibile, in modo tale che se una persona desidera acquistare una tovaglia rucamata al tombolo la trovi subito e non deva andare a cercala nella sezione ” Limoges”. So a priori che sarà il cosiddetto blog solo per gli amatori di questo genere, il cosiddetto blog di nicchia, ma è proprio quello che volevo. Di ogni oggetto che pubblicherò VERRANNO indicate chiaramente le misure, l’epoca, lo stato di conservazione, il logo e naturalmente il prezzo. Ci sarà spazio per i commenti, le richieste varie, gli eventi ai quali parteciperò ( carogna virus permettendo), avremo modo di scambiare opinioni e pareri. La trattativa vera e propria VERRÀ fatta al telefono o via mail. Forse qualcuno di voi saprà che sono presente da diversi anni, su altri canali di vendita autorizzati. Questo nuovo blog vuole essere una deliziosa vetrina di esposizione per illustrare un’altra parte di me che è poco nota e anche per farmi ulteriore pubblicità. Inutile dirlo e ripeterlo: la pubblicità era l’animo del commercio, oggi siamo tutti in ginocchio causa un virus che si è impadronito dei nostri corpi e ha reso l’economia e gli acquisti ancora più deboli. Tante attività hanno chiuso i battenti prima e durante il COVID, tante chiuderanno. Io vado avanti, conscia che anche per me il lavoro è calato o meglio con la CHIUSURA quasi totale dei mercati del vintage e dell’antiquariato è cambiato molto. Per fortuna le vendite on line sono il punto forte e sempre più persone si avvarranno di questo metodo di acquisto comodo e semplice pur rimanendo seduti comodamente a casa. Allora vi dico a presto per inaugurare il nuovo blog e brindare tutti insieme. Un gentile omaggio VERRÀ spedito a casa dei primi iscritti se sarà da voi gradito! Facciamo il conto alla rovescia??

GUARDARE O VEDERE?

Non è la stessa cosa. A volte chiudiamo gli occhi e ci giriamo dall’altra parte per non vedere. Ma abbiamo già guardato ed allora è inutile girarsi. Pavidamente attendiamo che passi quella vena che pulsa nel collo, preghiamo con rassegnazione che il domani sia migliore di ieri visto che l’oggi è stato un disastro. Ci convinciamo con ferocia e determinazione che tutto passi e che si possa guarire come con il raffreddore. Ma gli anni passano, i decenni trascorrono ed il cuore oramai è logorato e non vede più lo spiraglio in fondo al tunnel.

Domande senza risposte.

Da dove veniamo esattamente? Quali sono i nostri compiti o meglio ciò che ci hanno assegnato da chissà dove e chissà perché? Ed infine, dove andremo? Qual è la vera fine del nostro viaggio? Potrebbe sembrare l’incipit di un libro, ma sono domande importanti che mi faccio spesso. Non so voi…

Agosto se ne va.

…portando via con sé vacanze volute fortemente dagli italiani e dagli stranieri, nonostante l’inevitabile risalita del Covid. Il caldo cocente di questo mese ha fatto sì che le illusioni di un’estate normale prendessero il sopravvento. L’essere umano dimentica presto e spesso, perdona e va avanti, ma la natura e con essa i suoi virus ha buona memoria. Da domani molte aziende, uffici, negozi, bar riapriranno e con essi la speranza che tutto torni alla normalità nel più breve tempo possibile. In realtà sappiamo bene che senza un vaccino che funzioni, il ns CAROGNA VIRUS non ci abbandonerà. Molte ne sono state dette di opinioni! Giuste, sbagliate, assennate, fuori luogo…. ma sono i fatti quelli che contano: i numeri con l’estate sono in continua ascesa e con la riapertura delle scuole lo saranno ancora di più. Che futuro ci aspetta? Che qualità di vita potremo svolgere? Ancora prigionieri in casa nostra o circoleremo a braccetto con il virus senza mascherina, come fanno quasi tutti i nostri incoscienti giovani? Le discoteche fortunatamente sono state chiuse, ma ciò non basterà a fermare questo mostro che da un pangolino si è impossessato delle nostre vite. Non basteranno centinaia di esorcisti x farlo uscire dai nostri fragili corpi. Confido sempre nell’intelligenza umana ma mi accorgo che viene sempre più a mancare, a breve inaugurero’ il nuovo blog. Mio marito me l’ha giurato solennemente ed io a lui, credo.

A Ferragosto…

….marito mio io ti conosco! Buon ferragosto da una vacanza indimenticabile in Versilia a Forte dei Marmi@ mangiate poco. State allegri con moderazione e pensate che il COVID sta risalendo. Quindi occhio a movide, baci e abbracci dagli sconosciuti! Direzione x il pranzo; BERCETO DI PARMA. UN PO’ DI FRESCO DOPO UN CALDO VERSILIANO…..AUGURI A TUTTI!

Forse

Provo a scrivere due righe senza foto che amo molto a corredo delle parole, ma come ben sapete lo spazio usato è terminato da molto. Noto con piacere che il mio blog continua ad essere letto con assiduità e quotidianità: i numeri parlano da soli. Nell’attesa di avere pronto il nuovo blog, che temo andrà a estate inoltrata, mi fa molto piacere constatare che l’assenza di una persona induce a cercarla, sempre che chi sta dall’altra parte abbia voglia di 2 cose: primo di leggere, secondo di saperne di più sulla persona che scrive. Questo esercizio di distacco dalla scrittura è per me fonte di malinconia ma nel contempo di ossigeno dopo 8 anni di scrittura a getto continuo. Rileggere le prime pubblicazione degli anni 2012, 13,14,15 mi fa riscoprire una Fabiana diversa, che pubblicava con smania e fretta senza mai rileggere! Pur sviscerando argomenti importanti, che quasi non ricordavo più, noto e li lascio al loro posto, gli errori di grammatica, così come i contenuti a volte molto forti. È forse quando una persona non è più presente nelle vite degli abitudinari che ci si accorge che manca? Come con i defunti, a cosa serve portare fiori sulle tombe, far recitare messe, ricordarli nei lauti pranzi, lucidare forsennatamente le loro tombe come si lucida l’argenteria di famiglia? Non dico che quando “ero in vita” cioè scrivevo sul blog io non fossi letta, ma forse forse ora che non ho niente più da aggiungere su questo blog vedo delle impennate di letture notevoli! Soprattutto sugli articoli più vecchi perché è con gli inizi che si arriva al futuro, è con i primi sbagli che si delinea la strada che poi si percorrerà. Come avevo già scritto nel post d’addio su questo canale obsoleto e che ha fatto il suo tempo, ora che “sono defunta’” le impennate si notano dei questo volevo ringraziarvi di cuore. Risponderò come sempre a tutti coloro che vorranno lasciare un fiore, cioè un segno del loro passaggio. Forse per conoscere veramente e non superficialmente la persona che scriveva.

Fabiana Schianchi

Cell 3204380039

MAIL: faby1964@alice.it

Senza sapere quando

Non so se il sig WP mi permetterà di scrivere ancora, regalandomi altro spazio x due righe rivolte a voi. Dal momento che avevo oltrepassato il limite( in ogni senso 😅e non ho più spazio a disposizione dopo 8 anni di post e foto pubblicate. Soprattutto x pubblicare foto, elemento x la mia persona imprescindibile dall” articolo scritto. Non riesco (forse, dico forse)a esprimere i miei contenuti, le mie emozioni, gli stati d”animo con le sole parole, mi servono le immagini per accompagnare le mute parole. Di una gelida tastiera da santificare anch’essa.

Non sono ancora pronta per il Nuovo salotto, che sarà completamente diverso da questo. Il mio tecnico informatico privato si sta occupando del suo lavoro, ripreso con molta fatica, dopo il lockdown. MI ha promesso che nelle ferie estive se ne occuperà. Mi mancate, la mia vita come credo la vostra, si è trasformata e muta di giorno in giorno da quel maledetto piccolo ed infinitesimale puntino di spillo gelatinoso che può ACCOGLIERE da solo sino a 10.000 ospiti. Tra poco lo avremo ancora addosso, se già non lo ospitiamo senza saperlo! Con la probabile riapertura delle scuole, intendo dagli asili nido sino alle aule universitarie, con l”arrivo dell’autunno tutto ricomincerà come prima. Non penserete forse che ci siamo liberati del carogna virus? Perlomeno sino all’arrivo di un vaccino valido e non farlocco. Un vaccino che non ci faccia morire x gli effetti collaterali che dovrà soddisfare circa 7miliardi di umani, che tutti non potranno Avere. Ma un vaccino che ci salvi la Vita.

Temo fortemente che questo spillo gelatinoso che all”inizio del disastro doveva rimanere confinato a casa sua, ci farà compagnia x molto tempo ancora. Invece causa la solita stupidita’ e leggerezza umane, si è diffuso nel mondo alla velocità di un razzo, all’inizio ( parliamo dell’estate 2019) trasportato da un pipistrello ad un pangolino e da questa bestiolina all”uomo. Sto leggendo il libro di Ilaria Capua che è molto esemplificativo della pandemia che vi invito a leggere.

Ora gli interrogativi sono tanti, troppi da sviscerare in un unico articolo, 2 o. 3 cose le ho però ben chiare:

1) ci hanno raccontato solo la metà di ciò che è successo realmente, tacendoci date e numeri precisi.

2) questo fenomeno ci ha cambiato la vita sotto TUTTI i punti di vista ed. il “bello” tra virgolette deve ancora arrivare

3) noi umani poco intelligenti, abbiamo capito qualcosa da questa lezione? E non intendo se abbiamo capito come indossare la mascherina e lavarci le mani spesso. Cosa. che peraltro dovremmo sapere già.

4) trarremo beneficio da questa pandemia mondiale o ne approfittiamo x rimanere ancora attaccati al. Ns piccolo orticello? Senza voler ammettere che tutto è cambiato,tutto sta cambiando e ancora muterà in nostro sfavore se non impariamo a rispettare il pianeta Terra.

Concludo dicendo che la ragazzina svedese Greta, (dov”e” sparita proprio ora che avremmo bisogno di un suo sermone?) se cercava un modo x pulire la terra da tutte le schifezze che la compongono, forse un modo lo ha trovato.Si trattava solo di aspettare il pangolino!

ULTIMO POST

Cari amici vicini e lontani, era febbraio del 2012 quando mi venne la bizzarra idea di aprire un blog. Un mondo nuovo per me, che allora non andavo oltre l’SMS per comunicare muto e scrivevo come oggi del resto, sempre i bigliettini a mano per le grandi occasioni@ Il termine blog è un particolare tipo di sito web in cui i contenuti vengono visualizzati in forma anti-cronologica (dal più recente al più lontano nel tempo). In genere il blog è gestito da uno o più blogger che pubblicano, più o meno periodicamente, contenuti multimediali, in forma testuale o in forma di post, concetto assimilabile o avvicinabile a un articolo di giornale. Ebbene amici questo blog è antico, obsoleto direi, ha più di 8 anni! Ha esaurito lo spazio per poter pubblicare e forse anche gli argomenti x proseguire. Dal momento che ogni inizio ha una fine ed ogni fine un nuovo inizio.il sig. o sig.na wordpress non mi consente più di pubblicare giustamente nemmeno una fotografia. Dopo 1810 articoli scritti con il cuore, con l’anima, con la passione , con la grinta e la tenacia che da sempre mi contraddistinguono, sono costretta ad abbandonare il vecchio, per fare posto ad un salotto nuovo. Separarsi da qualcosa che mi ha fatto ( e spero la stessa cosa anche x voi!) stare bene X tanti anni è doloroso, ma non ho altra scelta. Un grande pezzo di Fabiana resterà per sempre scritto in queste pagine ed il blog rimane aperto se qualcuno vorrà continuare a leggermi. Qui dentro vi è un percorso di vita lungo 56 anni ( li compio il 6/6) resteranno aperti i commenti e forse anche le mie risposte. Io in questi anni ci ho messo tutta me stessa, i risultati sono andati non sempre brillantemente, ma rifarei tutto quello che ho fatto esattamente così, senza cambiare nulla. Ora io e mio marito stiamo già lavorando ad un sito nuovo, che spero venga seguito un po’ più in modo costante non con presenze che se si iscrivono poi per anni non le ho più lette. Cambieranno molte cose: dai contenuti, alla grafica, dal.logo al modo di rapportarmi con il pubblico che mi leggerà. .Ma carogna virus a parte, con il quale ci siamo tutti fidanzati, la vita va avanti con dignità, con disonestà, con amore ed affetto, tradimenti e ripensamenti….

Io entusiasta per natura, ho scritto in questi anni anche in condizioni di salute pessime, momenti nei quali la penna usata( alias tastiera) avrei voluto ficcarmela nel petto e chiudere questa specie di vita. Ma sono sempre andata avanti con sincerità e fantasia, pensando ai miei figli che amo smisuratamente e a mio marito che amo altrettanto il quale mi ha sempre supportato e sopportato quando avrei voluto abbandonare la nave terrena. Ho usato la scrittura ed il blog o diario come una terapia personale, ne ho fatto una cura intima ed amica anche se abbiamo litigato spesso, ma alla fine non ho mollato. Quindi come saluto finale invito chiunque a scrivere, e vi do appuntamento al nuovo salotto, per inaugurarlo insieme!

Questo blog è dedicato a Corrado, ad Aliceaurora e a Riccardo, i miei unici e soli scopi di vita e amori per sempre.

Con affetto, fabiana schianchi ugoletti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: