Piacere: mi chiamo Crocifissa Senzapelle.

 

Questo tema sui nomi più inconsueti e bizzarri, attribuiti ai nascituri ha prodotto duecento letture o giù di lì. Nessun commento. Aggiungo alla già lunga lista un nome che ho sentito in quella trasmissione per bambini condotta da Antonellona Clerici, il sabato sera. Un paio di genitori hanno deciso di chiamare uno dei figli: Clark Kent, nome terreno del mitico supereore Superman. Meno male che tra i due nomi hanno scelto quello terreno e non quello da supereroe….lascio a voi le considerazioni.

 

 

C’è un momento delicatissimo e molto difficile nella vita delle coppie che stanno per diventare genitori. Arrivano d’improvviso attimi di pura follia confusionale, nei quali si rischia il divorzio prematuro, per giusta causa. Il momento topico si conclama con l’acquisto insensato di venticinque libri con i nomi, maschili e femminili, più quelli regalati nei primissimi giorni di gestazione da colleghi, parenti, affini e amici. I libri dei nomi in commercio sono tantissimi e servirebbero per attribuire alla creatura nascente, un sigillo decoroso, un elegante riconoscimento adatto ad essere abbinato al cognome. Invece, spesso e volentieri questi libri non servono a nulla, perchè i genitori o chi per essi, scelgono nomi inverosimili con la variante di poterli scambiare. Non è infrequente che un Andrea sia una femminuccia e Cornice sia un maschietto. La scelta del nome del nascituro crea nervosismo, ansia, aspettative altissime, tensione, irritabilità, vi è una coltre di mistero e spirito di gara che avvolge quelle lettere dell’alfabeto che comporrano il nome. Nascono diatribe non solo tra i futuri genitori, ma anche attorno alla cerchia di amici e parenti. Ognuno desidera dire la sua o il suo, proponendo i vari Gesù, Sandokan, Rin Tin Tin, Tex, Didascalia, Candy Candy, Cenerentola, Lassie, Winnie, Tigre, Rabbit, Principe, come si proponesse un piatto di spaghetti aglio,olio e peperoncino. Attorno a questa difficile decisione, ruota un mondo di indecisioni. Con il trascorrere del tempo si è persa la consuetudine di  appioppare d’ufficio il nome dei nonni materni (Addolorata e Felice) dei nonni  paterni (Cespite e Ingloriosa), dello zio morto in guerra, (Fradicio) della cugina suora missionaria,(Libellula) della trisavola ricchissima (Concettina Eduarda) del cognato barone…(Manopiena) ma è diventata una scelta abominevole e di cattivo gusto per molti e  motivo di litigio inutile e sterile tra i componenti della famiglia che non sono riusciti a far accettare la proposta nominale. Chiamare Astemio un bimbo che poi da adulto diverrà alcolizzato è di cattivo auspicio, così come denominare Virtuosa una futura escort, non porta bene.  Era uso comune battezzare il bebè con il nome di Simplizio, Artemio, Biagio, Immacolato, Porfirio, Genoveffa, Artemide, Concetta, Dirce, Osvalda, Adalberto, Giscardo ,Baldovino, Leonida, Remigio, Leopoldo, Fredegario, Cesara, Abbone, Iones, Oddone, Bernardina, Bertrando, Ermengardo, Cesario, Gherarda, Gioacchina e via discorrendo. Anzi! Non si poteva discutere, non ci si poneva nemmeno il problema del cambio nome: si marchiava l’erede con il nome deciso alla prima settimana di ritardo della puerpera e tutto finiva a tarallucci e spumante, durante il Santo Battesimo. Ma oggi, amici miei, vi siete accorti della miriade di nomi che vengono impressi al bambino, senza nemmeno guardarlo in viso quando esce allo scoperto? Ci sono visini felici sorridenti e li si chiama Tristino, se un bimbo è molto minutino gli si appioppa il nome di Gigante, se nasce strillando lo si chiama Leone, perché ha ruggito subito e nella vita un nome così può sempre aiutare! Per non parlare del parere degli amici, che dicono la loro dal momento che hanno chiamato il bambino con il nome di un cavallo “Varenne”, o il nome di una pastasciutta o di un pesce: Pennetta, Fusilla, Sogliola, Cernia, Struzzo, Merluzza, Orata, Gambero… C’è anche chi ha viaggiato molto e sceglie Oceano, Mare, Pacifico, Atlantica, Egitto, Maldiva, Everest, Lago, Fiume, Torrente, Montagnola….aiuto, non c’è limite e nemmeno confine! C’è la gara alla stupidità umana o il desiderio forse di finire sul libro del Guinness dei Primati? Ma un semplice e poco complicato: Mario, Gianni, Dino, Gino, Roberto, Massimiliano, Maurizio, Carlo, Beatrice, Mariagrazia, Federico, Alessandro, Giovanni, Antonio, Giulio, Francesco, Anna, Aurora, Martino, no eh? Troppo banale, troppo semplice, non fa notizia!  Come puoi, se di cognome fai Ammazzalorso, chiamare Bruno tuo figlio? O se ti chiami Delcampo, chiamarlo Santo? Suvvia un poco di lungimiranza, per rispetto ai nascituri che verranno sicuramente derisi dai compagni di vita! Fortunatamente oggigiorno, un cittadino italiano che abbia l’esigenza di cambiare il proprio cognome oppure il nome, o entrambi perché ridicoli, vergognosi, o riconducibili a famiglie di malaffare, può farne richiesta al Prefetto della Provincia di Residenza. Oppure si può rivolgere nella circoscrizione dove è situato l’ufficio dello stato civile, nel quale si trova registrato l’atto di nascita della persona che lo richiede. Le richieste devono avere però carattere d’eccezionalità, non si può cambiare il proprio nome o cognome per sfizio o capriccio. Pensate che io, sull’atto di nascita, ho scoperto quattro anni fa, che di secondo nome, (quindi non ho l’obbligo di riportarlo su documenti ufficiali) faccio “Maria Bettina”. Aggiungerei che il mio secondo nome, doppio, in questo caso, lo sento adatto ad una suora o a una persona che ha deciso di ritirarsi in una grotta umida a meditare per tutta la vita! Forse ora mi scriverà una Maria Bettina da Caltanissetta e mi dirà che è molto felice del nome che indossa, beata lei! Risi molto nel venire a conoscenza di questo secondo nome! Non l’ho mai saputo e quella birba di mia madre, si è ben guardata dal dirmelo! Forse oggi a 91 anni se n’è dimenticata! Si dice che amasse il nome “Elisabetta”, o Betty, (Curtis..), per mio babbo era uguale purchè fossi femmina, ma la biologa di famiglia, mia sorella,  vinse con Fabiana. L’aveva notato su un libro oggetto di studio per la sua tesi di laurea: vi era menzionata una tale biologa, dottoressa Fabiana Nonsocosa e le piacque moltissimo. Mia madre accettò, ma come secondo nome non la scappai e vinse Maria Bettina, così forse di nascosto dentro alla culla, quando non era sentita da nessuno, mi chiamava Betty. Ma non ditelo a nessuno! Sarebbe buona e saggia decisione, lasciare questa importante scelta a colui/colei che nasce una volta divenuto adulto, attribuendo un nome “provvisorio” che diventerà definitivo se il soggetto lo gradirà. Un nome giusto ed appropriato, semplice e facile da pronunciare la dice lunga sulla persona che lo possiede, non puoi chiamare Camelia, Crisantema, Orchidea, Nontiscordardime o Gladiolo, un bambino che da grande avrà la repulsione o l’allergia per i fiori, così come è sconsigliato affibbiare nomi riconducibili a uomini e donne che appartengono al mondo pornografico. Lasciamo stare i vari Moana, Rocco, Eva, Cicciolina e mi fermo qua, non avendo studiato bene la materia. Semplicità e sobrietà sempre, per non creare imbarazzi o vergogne gigantesche, come quella cliente della banca che si chiamava Figoni di cognome e i genitori o qualcuno poco dotato di senso of humor, di nome le affibbiarono Passera. Quando era in fila e toccava a lei, nessuno si azzardava a chiamarla per nome e cognome, imbarazzati noi stessi cassieri e adottavamo uno stratagemma…Speriamo invece, che dopo l’incontro di ieri di Matteo con Angela Dorothea Kasner, si possa ritornare a chiamare qualche bambina Italia. Almeno per patriottismo e per dimostrare che dietro alla lavagna in castigo, inginocchiati sui gusci di noce, non ci vogliamo più andare!

Autore: Fabiana

Sono nata il 6/6/64. tutto il resto é noia, mi trovi su SHPOCK, su VINTED, SUBITO.IT. SE HAI BISOGNO CHIAMAMI X COSE SERIE al 3204380039!

7 pensieri riguardo “Piacere: mi chiamo Crocifissa Senzapelle.”

  1. Per me il nome e’ un biglietto da visita…siamo stravaganti in altro….
    Io ho il nome di mia nonna paterna, enrica e credo di essere stata molto fortunata perche’ e’ un nome che a me piace moltissimo. Ai miei figli ho dato dei nomi , anzi io e mio marito abbiamo scelto dei nomi che ovviamente ci piacciono un sacco….Valeria e Leonardo…
    Ciao Fabiana!!!

    "Mi piace"

  2. Italia no, ma una “Patria” l’ho conosciuta, ovviamente nata durante il ventennio. L’errore più comune che noto, però, consiste nel non tenere conto dell’abbinamento al cognome, pur senza arrivare agli eccessi da te citati: Jessica Scaccabarozzi è ridicolo oltreché pretenzioso. Io i,figli li ho trovati già grandi e “nomati”, ne avessi avuto di miei avrei chiamato Nicolò un maschio ed Anna Paola una femmina.

    Chiudo dicendo che un mio amico si è fatto cambiare il nome, che in effetti era assurdo: Agenore Merda.
    Ora si chiama Antonio.
    😛

    "Mi piace"

    1. Nicolò è un bellissimo nome, Paola anche. Pensa Fedi che i nomi e i cognomi che ho riportato sono tutti veri ed esistono! Li ho scovati con il lanternino, guardando di qua e di là, leggendo vecchi libri di nomi, andando in biblioteca…Il sig. Agenore ha fatto non bene, ma benissimo a farsi cambiare il nome, Antonio (come il mio povero papà..) è più pulito oserei dire, meno impegnativo. Ora, io e Alice Aurora siamo tornate dal suo corso di nuoto e mi appresto a fare le “valutazioni” delle risposte per decretare finalmente i vincitori! Il compito è ingrato, vorrei premiare tutti e sette i partecipanti se non altro perchè, al contrario di chi non ha giocato vi siete esposti, messi in gioco è il caso di dire e come al solito, mi avete tenuto compagnia! Ringrazio tutti e provo a decidermi: non è facile! Per gli altri e altre amiche che non hanno giocato, comunico sin d’ora che ci saranno altre occasioni. A tra poco per il “Lotto alle otto”, no ma cosa dico….

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: