Non me lo ricordo più.

Questa volta l’ho fatta proprio grossa e con il Water non c’entra nulla. Ho perso la mia macchina fotografica, la mia nuova amica che mi consentiva di imparare ad immortalare ciò che i miei occhi vedevano. Era stata per me una grande conquista anche il solo saper come tenerla in mano e come inquadrare un obiettivo ben preciso. Mi dicevo che alla mia età non sarei più stata in grado d’imparare ed invece lei semplice da manovrare mi ha permesso di fare moltissimi scatti in questo anno 2015. Non era una gran macchina, lo so ma per me,principiante ed autodidatta andava più che bene. E’ sbagliato però dire che “l’ho persa, o che si è persa da sola”, sono io che purtroppo, non ricordo più dove l’ho nascosta. Il fatto in sé è molto triste, devo ammettere che la mia proverbiale memoria non è più quella di una volta, devo scrivere sempre più appunti ed appuntamenti altrimenti potrei dimenticarmene. Ricordo che eravamo appena ritornati da Santorini, ricordo le valigie da sistemare e la pulizia generale della camera di mia figlia. Poi il vuoto, ed è terribile. Non vorrei averla buttata nel sacco dell’immondizia in seguito al decluttering, che in questo caso sarebbe stato un decluttering dannoso ed oneroso. Ma la colpa, se non la troverò è solo mia, sono distratta, troppo svelta nel muovermi e combino disastri. A volte voglio fare mille cose in una giornata. Come dire: predico bene e razzolo male. Ricordo che mi son detta che per un po’ di tempo non avrei più fotografato, non so il perché di questo stupido pensiero e decisione inutile. Ricordo solo di averla nascosta molto bene  in un posto non consono a nascondere qualcosa. Un nascondiglio segreto, difficile da ragiungere,“Così non la vedo e non sono tentata dall’usarla!”, mi dicevo mentre la mettevo lì dentro. Ma oggi non ne sono più tanto sicura. Ragionamenti sterili, ricordo un angolo e poi i giorni passavano ed io non ci ho pensato più. Ma rivedendo la libreria di “Word Press” colma e strabordante di foto già usate e pubblicate diverse volte, mi era ritornata la voglia prepotente di fotografare ancora paesaggi e situazioni nuove. Ora le sto cancellando ,vorrei footgrafie nuove per questo autunno! Un ben giorno mi decido ad andare a prenderla, vado diretta nel posto in cui pensavo con certezza che fosso;sicura come sicura di essere qui in questo momento, apro un cassetto e non c’è. Panico assoluto! Ne apro altri, butto all’aria la biancheria, tasto, tocco sopra e sopra gli indumenti, guardo dentro alle borsette, nelle cabine armadio , nei bagni, nei cassetti della cucina…non la trovo. Non mi ricordo e non avere i ricordi su qualcosa che ho fatto, per me è fonte di dolore atroce. Penso alle cose e alle malattie più brutte, piango e sono molto triste perché mi ero affezionata a lei. Mi manca! E se l’ho buttata via sovrapensiero? In quell’enorme sacco delle cose di mia figlia? Mio marito che con me è sempre molto comprensivo e paziente, mi rassicura dicendo che se non salterà fuori ne compreremo un’ altra, adatta alle mie poche capacità.Se da un alto posso essere rassicurata dalla bella notizia, dall’altro ho comunque il dispiacere perché comunque sia, io non mi ricordo com’è esattamente andata. Mi hanno suggerito di scrivere da qualche parte quando nasconderò un’altra cosa alla quale tengo molto, ed io ho pensato con molta amarezza e tristezza che sto invecchiando e che non ci posso fare nulla. Non posso arrestare questo processo naturale, così come devo rassegnarmi alla vista che mi sta abbandonando sempre di più. Ogni giorno che passa devo usare gli occhiali per compiere gesti (da vicino) che sino a pochi mesi fa riuscivo a fare senza l’ausilio delle lenti. Per me, persona che vorrebbe essere libera e non schiava del tempo, ancora autosufficiente, so che farò molta fatica a dover dipendere dagli altri. Diviene amara la constatazione del tempo che se ne frega e passa noncurante dei danni che lascia Se passasse lasciandomi indenne pazienza, ma la mia memoria ed il fatto che sto già dipendendo da altri come gli occhiali, mi fa male all’anima. cancellatediCanalieancoraautunno! 008
Non è questione di vanità o di voler essere sempre giovane ed attraente: è la grande paura di non riconoscere più chi sono io e chi sono le persone che amo di più. Perdonatemi la confessione.Come posso fare: rinuncio alle ricerche e ne acquisto un’altra o spero un giorno, chissà dove e chissà quando di ritrovarla?cancellatediCanalieancoraautunno! 035

Annunci

19 Comments

  1. Capita anche a me…ma cerco di non farne un dramma…e soprattutto non lascio che un episodio, anche se reiterato, sia il ticchettio del tempo che passa. Ogni tempo ha in se qualcosa di bello…e anche se dimentico qualcosa, vorrà dire che ho messo da parte quella memoria per ricordarmi di cose e persone più importanti nell’economia della mia vita… ciao, passavo di qui… 🙂

    Mi piace

    1. Gentile Gigi, intanto ti ringrazio del tuo casuale passaggio e anche della tua nuova iscrizione! Spero tu non faccia parte di quella serie di “iscritti fantasma” che si iscrivono per sbaglio, poi non sono mai passati a trovarmi e non mi hanno mai lasciato negli anni una loro impressione, che so un commento anche negativo che sia! Li sto caldamente invitando a disiscriversi perchè mi fa molta tristezza circondarmi di persone che non si fanno mai vive. Già il mondo dei blog è un mondo fantasma,muto, irreale e virtuale se poi chi si iscrive non porta gioia e chiacchiere….BeH! Allora il gioco non vale la candela…Per la memoria riguardo alla mia macchina fotografica, al momento non l’ho ancora ritrovata e non saprei onestamente più dove guardare. Dovrò accettare il fatto: non è il primo e non sarà l’ultimo!” Tornando ora dal Media World, ho visto le macchine fotografiche e devo dire che una per la mia modesta preparazione non costa un patrimonio! Per ora userò il cellulare di mio marito che è anche tablet e fa foto meravigliose! Ti aspetto per prossime chiacchierate, spero che qua da me tu possa trovare argomenti di tuo gradimento. Buon sabato!

      Liked by 1 persona

      1. Ciao a te Fabiana! Se trovo dei blog che mi colpiscono e mi spingono a riflettere o mi illuminano sui mille interrogativi che quotidianamente si pone la mia mente ingorda allora ci passo sempre, compatibilmente con i tempi a disposizione… Ho conosciuto persone di ogni tipo qui, alcune meravigliose, ed è un po’ diventata la mia seconda casa, anche se virtuale. La tua narrazione mi ha fatto anche sorridere, perché quando ero piccolo e non trovavo una cosa, mia madre diceva che in quel momento “serviva al diavoletto” e questo mi ha riportato a tempi di tenerezza infantile… oggi telefonini e tablet non hanno nulla da invidiare alle macchine fotografiche, a meno che non siano reflex digitali professionali.. Buon weekend a te!

        Mi piace

    1. Ciao cara Renza! Grazie per gl iauguri che contraccambio sperando che tu stia bene! Domani lavoro e farò l’ultimo dei mercati all’aperto per quest’anno, riguardante il riuso e il vintage per quest’anno: MERCATINO AL VOLO, mi sveglierò molto presto e mio marito mi accompagnerà per aiutarmi nella “bassa manovalanza”. Aprire i lgazebo, posizionare le tavole, scaricare le casse….per l’apparecchiatura e l’esposizione dei miei pezzi invece ci penso io e lui riposerà! Oggi pomeriggio preparo il “pic nic” come ogni volta e partiremo attrezzati con le nostre borse termiche e frigo bar. Alice ci raggiungerà forse nel pomeriggio, non le facciamo di certo fare una levataccia! Un abbraccio.

      Mi piace

  2. Ti riporto qui la mia risposta al messaggio che hai lasciato sul mio blog “Gentile Fabiana, non mi risulta di essere iscritta al tuo blog, ho controllato più volte ma non rientri nei siti che sto seguendo. Quindi, mi spiace, ma non posso cancellarmi da una cosa a cui non sono iscritta … Verrò a vedere il tuo blog per curiosità, adesso, e magari potrei decidere che mi piace … anche se per ora sono quasi totalmente assente anche dal mio per fatti tristi della vita … Ti auguro una buona giornata.”

    Mi piace

    1. Buongiorno Bea, tu non ti sei fatta viva per mesi e mesi non spiegandomi bene il perchè. E’ tuo diritto sparire ma almeno una motivazione in via privata, credibile e vera potevi darmela. Se io ieri non ho risposto subito ai tuoi sms è perchè stavo lavorando sodo. Posso permettermi di non risponderti subito per una volta, dato che tu sei sparita per mesi e mesi?? Il mercato è stato molto molto proficuo ma molto faticoso, l’invasione delle persone sopratutto non Italiane è stato esplosivo, una miccia di persone di ogni etnia che ha acquistato di tutto, con educazione, gentilezza e modi di fare amichevoli. Direi che anche io come i 400 miei colleghi, abbiamo “vestito, scarpato, fornito libri, attrezzi per cucina, quadri, telefonia, giocattoli, pizzi, biancheria intima, occhiali, televisori, tastiere, cover, attezzature per pesca ed elettricisti… a mezzo mondo! In quanto alla tua frase “perdersi è un poco come ritrovarsi”, perdonami ma non ci credo molto. Con la signora Roberta M., non è avvenuto il ritrovamento dell’amicizia e sai che ci abbiamo provato varie volte e giustamente su mio invito, si è disiscritta dal mio salotto. Con lei eravamo conoscenti ed amiche reali in carne ed ossa da decenni e ci siamo frequentati per anni. Poi anche lei, quando io mi sono separata dal padre del mio amatissimo figlio Riccardo, mi ha piantata in asso, e per un decennio ed oltre di lei non ho più saputo o sentito nulla. Mi abbandonate sempre nel bisogno più disperato voi donne?? Figurarsi con una persona virtuale alla quale avevo chiesto anni fa una sua foto e deve ancora mandarmela! Ho l’abitudine di conservare in un album le foto dei miei amici, i biglietti d’auguri di Natali e compleanni che mi mandano e per me è diventata un’abitudine solare che mi prota allegria, vedere i miei album pieni di persone che sono state a me vicine con la loro presenza. Eri la mia commentatrice numero uno!!! Quella che tutti i giorni mi scriveva felice di farlo, avevamo come un appuntamento quotidiano sul blog, un’abitudine alla quale h odovuto rinunciare soffrendo tanto! Poi d’un tratto.. .sei sparita. Perchè Bea? Quello che ho da dirti lo scrivo pubblicamente perchè ritengo che intrattenere conversazioni private o telefonate con la voce, faccia nascere false speranze che tutto ciò possa trasformarsi in un’amicizia reale. Non ci credo quasi più, vuoi la distanza chilometrica tra me e te e le altre persone che mi scrivono, vuoi che è già molto difficile e raro costruire un’amicizia solida quando non si è più giovanissimi, vuopi perchè anche se ci conoscessimo dal vivo dovremmo frequentarci e costruire qualcosa di bello, e con la distanza non sarebeb possibile! Per farla breve e di solito nelle risposte breve non sono, ma ci tengo moltissimo a voi! insomma preferisco parlare con voi solo tramite il blog. Se tu tornerai a trovarmi sei bene accetta, ma se io non posso rispondere subito, cerca di perdonarmi e di capire che sono anche io molto impegnata con il lavoro. Perà tu sai che rispondo sempre: potrà essere la sera, il giorno dopo, dopo due giorni ma io non mi dimentico di nessuno. Sopratutto di una persona alla quale mi stavo affezionando molto che ad un certo punto non so per quale futile motivo è sparita dalla mia vita. Ti auguro un sereno inizio di settimana.

      Mi piace

  3. Non mi sono iscritto, l’iscrizione nasce da un gradimento non immediato per me. Sono necessari un certo numero di post per capire se e quando realmente mi interessa un blog e lo ritengo fisiologico. Ma ho letto da Pinocchio il tuo vogliamo chiamarlo “appello” ; se pensassi in modo malizioso direi – Fabiana si è fatta pubblicità! Ma voglio capovolgere la prospettiva pur avendo della blogosfera un’idea ormai devastata. Tu desideri realmente interlocutori onesti. Gente che viene e legge per reale interesse e empatia, persone che non fanno dell’audience il loro totem…vorrei dire molto altro sulle dinamiche di questo ambiente, sul suo assurdo galateo e sulle situazioni che vengono a crearsi a causa dei commenti e dei commentatori. Desideri fondamentalmente un’utopia! Vivila comunque Fabiana e fallo con chi scegli in assoluta libertà. Se non sai cosa scrivere pubblica le tue foto ( hai fatto male a cancellarne una parte) prova con uno smartphone…negli anni ho incontrato blog fotografici di spessore e altri meno impegnativi, posso dirti che se fotografi con l’anima il senso delle cose vien fuori lo stesso e aiuta anche nella stesura dei testi. Buona giornata.

    Mi piace

    1. Gentile Rasi, piacere di leggerti, m iscuso se non ho risposto per tempo ma ieri ho lavorato tutto il giorno facendo un mercato dell’usato e del vintage! Ieri sera ero a pezzi e bocconi! Noi ancora non ci conosciamo, ma ti posso dire con assoluta sincerità che posso cercare un oggetto antico introvabile ed andrei anche in Tibet se ci fosse, ma non cerco pubblicità. Nel blog di Pinocchio e in quelli di circa 70 persone, mi sto prendendo “la briga” di scrivere ciò che mi sento in totale libertà di scrivere. Cioè l’invito a togleirsi dal mio blog perchè questi settanta io in realtà non li ho mai e dico mai sentiti !Oppure mi hanno fatto secondo loro, il favore d’iscriversi per fare numero, poi se ne sono spariti per i fatti loro! Sono convinta di ciò che faccio, lo sento nel profondo e non cambio idea.La mia età ,le esperienze di vita fatte e i risultati ottimi come punte di lettura mi fanno propendere per il pensiero che ho qualcosa da trasmettere. Non m’importa e te lo dico con il cuore il numero degli iscritti,m ma la sostanza e ciò che mi trasmettono standomi vicino, non è un’utopia è il mio progetto per lautunno/inverno e per l’anno a venire. Desidero sentire l’attenzione, il cuore, l’interessamento per me ed io farò altrettanto, ripagando l’interlocutore con le mie scritture, con l’attenzione per lei/lui e con occhi di riguardo per coloro che “sono in casa mia”!Sono d’accordissimo di non iscriverti di getto! E’ proprio quello che non desidero più!! Prenditi il tempo di “saggiare il terreno” prima d’iscriverti, non sei obbligato, nessuno lo chiede, ma se lo farai in futuro ti chiedo solo di non comportarti da fantasma. L’ambiente dei blog è di per sè orrendo, brutto,fasullo, invidioso, malefico a volte, “Mafioso” a tratti. Alla fine se osserviamo bene, è tutto uno scambio di favori, d’iscrizioni e di commenti blog su blog, tutto uno scambio di frasi lecca piedi NON DA PARTE DI TUTTI!!! VORREI CHE QUESTO CONCETTO FOSSE CHIARO, NON DESIDERO FARE DI TUTTE LE ERBE UN FASCIO…: Noi non abbiamo un pubblico di persone normali che non possiedono blog! Noi non essendo Vasco Rossi per citare un nome delle mie parti, non abbiamo milioni di followers che sono alla fine gente normale che passa e ti dimostra il suo gradimento.Abbiamo quasi tutti un blog e ci scambiamo l’iscirizone ed i commenti gli uni con gli altri. Tutto qua. In quanto a non saper cosa scrivere non è ancora arrivato il giorno della perdita totale della fantasia e della creatività. Che cosa ne dici tanto per cominciare prenditi qualche aperitivo dei miei 780 articoli scritti sino ad oggi! Così cominci “Ad annusarmi” e a capire se quello che scrivo sono cavolate o se vale la pena scambiare qualche parola ogni tanto con una Fabiana Schianchi qualsiasi. E se trovi che io scriva bene sshhhhh, non dirlo a nessuno che poi qua dentro tutti non ci stiamo! Ti aspetto per nuove ed interessanti idee e scambio di opinioni!

      Mi piace

  4. Cara Fabiana, ho letto il tuo messaggio sul mio blog che, come hai visto, giace in uno stato di totale abbandono. Non mi dilungherò nè ti farò perdere tempo prezioso esponendo spiegazioni o giustificazioni, per me è stato ed è ancora un periodo strano durante il quale ho pensato troppo e agito poco. Ora mi sento pronta a riaffacciarmi anche a questo mondo virtuale ma capisco il tuo punto (o disappunto) di vista. Anche un’amicizia virtuale necessita di costanza, cosa che effettivamente non ho dimostrato. Buona fortuna per tutto. Un caro saluto.
    Marianna

    Mi piace

    1. Cara marianna, non perdo tempo anzi! Non sai il piacere che mi fai nel rileggerti dopo così tanto tempo. Ero rimasta al momento delle tue nozze, alla foto che volevi mandarmi, non so se hai un bambino o no! insomma mi farebbe tanto piacere riprendere quelle belle e costruttive conversazioni che facevamo. Fai come credi opportuno, già il fatto di avermi risposto con così tanta cortesia è sinonimo di buoan educazione. Se il tuo attuale stato ti consentirà di riprendere a leggermi e a scrivermi, fai come come desideri. Io tra alti e bassi, con i miei dispiaceri, i miei ammalati ed altro sono ancora qua e vado avanti sperando di cambiare una aprte muta e fantasma di questo strano, colorato ma pericoloso mondo virtuale! Spero che però la salute e i tuoi cari stiano bene! Un grandissimo abbraccio e scrivimi quando te la senti! Fabiana.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...