Elvis the pelvis.

costumebiancodiElivs costumedi Elvis Elvis_Presley_1970trecostumidiElivsRicorreva ieri l’anniversario della nascita di uno dei più grandi interpreti di tutti i tempi del rock and roll e del rockabilly. Si chiamava Elvis Aaron Presley, nato a Tupelo l’otto gennaio 1935 (capoluogo della contea di Lee, nello Stato del Mississippi) e morto a Memphis il sedici agosto del 19777. Avevo tredici anni quando morì e non avevo di certo compreso l’entità del successo e  l’immensa fortuna che nel bene e nel male, possedeva quest’uomo. Mentre io presi la prima cotta per un ragazzo più grande di me, moriva uno di quei miti che fecero impazzire milioni di donne. Il viso da simpatica canaglia, alcune espressioni da “prendiperifondelli e scappa”, la mandibola nervosa, la fragilità psicologica che egli dimostrò in seguito ai successi che otteneva di continuo, lo portarono come tanti altri numeri uno a far uso smodato di alcool, donne e stupefacenti. Il tutto mischiato con un’indiscutibile voce melodiosa e sensuale. Se all’inizio della sua carriera era bellissimo, magro, sexy da morire anche se con un viso quasi femmineo, verso la fine era diventato obeso e gonfio, con gli occhi ridotti a semi fessura, per l’abuso di tutto ciò di cui si può abusare nella vita. Morì in circostanze non chiarissime come si conviene a coloro che nascono icone e muoiono miti. Ricordiamo senza giudizio la fine di Marilyn Monroe, di Luigi Tenco, Pantani, Dalida..per ricordare solo alcuni nomi da brivido. elvispresley

Durante i suoi mitici concerti svoltisi peraltro tutti all’interno degli Stati Uniti, le donne facevano la cosidetta “malora”, per cercare di vederlo o di toccarlo come si fa con un dio o con un santo. Si strappavano i capelli, urlavano andando  in una sorta di delirio collettivo che le portava sovente a svenimenti e malori, al sol vederlo entrare sul palcoscenico. Parliamo di uno dei fenomeni di massa al pari dei Beatles, di Frank Sinatra, dei Queen, degli U2, o dei più recenti One Direction. Aggiungo che a livello planetario anche  il nostro ruspante modenese Luciano Pavarotti ha fatto la storia del ben canto. Con una diffrenza sostanziale: per Sinatra e per Pavarotti le donne non si strappavano i capelli e non avevano deliri o, se vogliamo dirla tutta, non provavano orgasmi così forti da svenire per poi essere accompagnate al Pronto Soccorso e certamente non le si trovava nel letto di Elvis a fine concerto! 

Che poi la Mantovani calcolatrice e brogliaccio alla mano riuscisse nell’intento, questo è un altro discorso sul quale occorrerà un altro altro post! La ragazza assai giovane, occhialuta e sagace, “Tracagnotta” con la gambe “intrombonate” ( le traduzioni solo su richiesta!)  ma non certo bella, era riuscita a scalzare l’Adua e ahimè! anche le tre figlie prodotte in amplessi da circo, che non so ancora oggi come potessero tecnicamente avvenire, data la mole del soggetto ingravidante Adua! Comunque, tornando al nostro dolce Elvis, era ed è ancor oggi ricordato per la sua mimica ed i suoi movimenti oscillatori e rotatori del bacino e di tutto ciò che contiene, mimando davanti alle folle l’atto sessuale vero e proprio!

« La morte di Elvis Presley priva il nostro Paese di una parte di sé stesso. Egli era unico ed irripetibile. Più di venti anni fa, irruppe sulle scene in un modo che è stato senza precedenti e che forse non sarà mai eguagliato. La sua musica e la sua personalità, fondendo il country bianco e il nero rhythm and blues, hanno cambiato permanentemente la faccia della cultura popolare americana. Il suo seguito è stato immenso. Ed egli è stato un simbolo, per le persone nel mondo, della vitalità, dell’intraprendenza e del buon umore di questo Paese. »
(Jimmy Carter, presidente degli Stati Uniti d’America, a proposito di Elvis, nel 1977.)

Elvis-nixon

Fu questo particolare modo di esibirsi che lo fece volare talmente in alto, che non riuscì più a gestire quell’enorme peso del successo. Come non gli fu facile  togliersi di dosso l’appellativo di “the pelvis”, cioè il bacino. Soprannome che egli non amava molto, da quanto si evince dalle poche interviste rilasciate all’inizio della sua carriere. Idolatrato, divinizzato, amato e considerato quasi un Dio, in 24 anni di carriera musicale ha pubblicato 61 album, riscendo a vendere un miliardo di dischi in tutto il mondo! Cifra da capogiro, considerando l’epoca! elvispresley06-280x210

La sua intensa e rutilante attività di cantante, attore e musicista lo fece spaziare dai generi di rock and roll, al rhytm and blues, dal gospel al country and western per passare anche dal genere melodico al pop. Nonostante i suoi movimenti tellurici di bacino e nonostante le numerosissime relazioni sessuali si sposò con una sola donna, Priscilla, dalla quale ebbe una sola figlia, Lisa Marie Presley.Lisa_Marie_Presley_at_car_racePriscilla_Presley_(2003)

 

In Italia fu imitato quasi alla perfezione dal nostro Adriano Celentano, Little Tony e Bobby Solo, ma quei ciuffi di capelli cotonati a dovere con chilogrammi di lacca, i costumi simili a quelli di Elvis, le vocine melodiche e i famosi movimenti tellurici di bacino ed anche, non produssero mai effetti orgasmici devastanti sulle folle femminili. Mi risulta che nessuna donna rimase calva, durante un concerto degli stessi! In Francia fu copiato da un altro “squinternato” come Johnny Hallyday e in Inghilterra da Billy Fury. La sua figura, nell’universo dell’immaginario collettivo, ha oltrepassato di gran lunga il confine che divide un fenomeno di natura musicale, da un fenomeno tipico della cultura pop, diventandone una vera e propria icona. Morì a 42 anni. Di lui rimane una casa Museo, Graceland e la sua tomba ancor viene visitata e osannata da milioni di persone! tombadiElvisGraceland

Il suo decesso avvenne in circostanze mai completamente chiarite il 16 agosto del 1977 e a partire da quella data si è ulteriormente intensificato un fenomeno già largamente in auge quando era ancora in vita, facendo in modo che Presley divenisse un vero e proprio oggetto di culto e di venerazione per molti dei suoi fan. Ieri, avrebbe compiuto 81 anni e sono fortemente convinta che se avesse riprovato a rifare quei movimenti di bacino, si sarebbe come minimo rotto i femori e le anche. Così dal mitico ” Elvis the pelvis” sarebbe nato l’appellativo Elvis, “anche sbilenche”. Intanto ricordiamocelo all’apice con una prece! Amen

 

 

 

Autore: Fabiana

Sono nata il 6/6/64. tutto il resto é noia, mi trovi su SHPOCK, su VINTED, SUBITO.IT. SE HAI BISOGNO CHIAMAMI X COSE SERIE al 3204380039!

23 pensieri riguardo “Elvis the pelvis.”

  1. Ciao Fabiana, io ti conosco dai tempi di “Il mondo in un libro” il blog di Marianna ma che da molto non frequento più perchè profondamente delusa dalla stessa. Mi piace questo tuo blog, non ti promettol’assiduità costante (le incombenze di vita non me lo consentono) ma cercherò di fare una capatina tutte le volte che posso. Questo tuo post su Elvis mi piace proprio, grazie per avermi rinfrescato la memoria sul personaggio. A proposito, è da poco che ho un computer mio…….lo so usare a malapena, non ho tempo per frequentare corsi vari, così mi arrangerò come posso; già iscriversi qua io che non parlo e non capisco l’inglese è stata un’impresa (spero di esserci riuscita almeno). Intanto buon proseguimento di giornata e a presto spero.

    "Mi piace"

    1. Ciao Manuela, che piacere rileggerti ed apprendere che ti sei ricordata di me! Effettivamente anche per me è stata una sorta di delusione, da quando Marianna si è sposata ed ha avuto (credo!) un bambino non si è più fatta sentire.Peccato! Perchè scriveva recensioni molto belle sui libri ed aveva una propria capacità di linguaggio ben strutturata. Pazienza. Io invece continuo a scrivere amando moltissimo la scrittura e ciò che emerge ogni volta da un tema che tratto! Ho scritto anche un altro libro che attende un editore, ho pubblicato vari articoli sui settimanali e su iquotidiani, insomma non mi fermo.Non ti nascondo che non è semplice, non è una cosa leggera tenere un blog costantemente aggiornato e scovare argomenti che possano interessare il pubblico.Per me è come un figlio, uan creatura che ho partorito da sola e che continuo a crescere, allenando così mente e cervello. Dall’agosto 2012 data dell’apertura e sino ad oggi, ho scritto sugli 850/900 articoli, anche se poi nel corso del tempo tanti li ho cancellati. Sono contenta se hai il computer e piano piano prenderai dimestichezza con questo strumento infernale, ma molto comodo. La fatica che ho fatto io, la sa solo Gesù Cristo! Io che l’ho sempre paragonato solo ad una macchina da scrivere e lo odiavo anche quando lavoravo in banca, mi devo ricredere. Oggi sono contenta di saperlo usare discretamente. So anche postare le fotografie, nel contempo sto provando a fotografare a mi piace da morire( troverai tantissime foto scattate da me!) Certo che ho vicino un buon tecnico informatico( mio marito..) che mi dà una mano quando combino pasticci e mi aggiorna lui le testate oppure mi insegna! Non è poco! Ti sei iscritta da me perfettamente e spero di continuare a farti compagnia, intanto se vuoi vedere che cosa ho combinato negli ultimi anni, prova a leggere un pò di articoli vecchi. Sono immensamente felice di averti qua, ci leggiamo presto!

      "Mi piace"

    1. Ciao Gabriele! Ben arrivato nella mia casa, ti ringrazio per la visita e di lunedì mattina fa sempre piacere! Elvis era un grande, nonostante tutta la sua scombinata vita. Sono sicura che tuo fratello sarà un bravissimo ragazzo. per caso canta anche?

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: