Il senso di colpa: origini, cause, conseguenze.

Ce l’hanno inculcato per bene sin dalla nascita: sei nata femmina, LUCIDELPORTICHETTO E OGGETTIDAVENDERE 014a poco servirai nella vita. Anzi! Sappiamo bene che in certi Paesi nascere Donna è un grosso limite, un disonore, un’onta, un problema, un errore che la natura ha compiuto. Certe ataviche e stupide idee sul cognome che una femmina non può trasmettere ai figli, sono state fortunatamente ovviate dalla nuova legge sul doppio cognome. Volendo. La mia testimonianza personale, parla da sola e la dice lunga sull’essere nata femmina. Nella mia presentazione di inizio blog, credo di spiegare a grandi linee il disgusto di mia madre quando scoprì di essere incinta: punto primo desiderava abortire, punto secondo che almeno fosse maschio se proprio lo avesse tenuto. Prendo spunto dal post sui piani capovoltiimg-20160126-wa0071.jpeg

e mi dico che quello che ci frega è sempre e solo lui: il senso di colpa. E’ un seme velenoso intrinseco in noi donne che ci tortura l’esistenza in ogni frangente! Non conosco donna che in un certo qual modo non ne abbia provato un ramo. Servizi Bavaria mamma, coppie di tazze tedesche ed inglesi 024 Essendo bene attaccato alle nostre viscere si è nei secoli ramificato, ha prodotto altri figli e questi hanno generato altri semi putridi che ci affliggono in parecchie situazioni. Contro questi stati d’animo ancora non abbiamo a conviverci, ci proviamo ma prevale sempre quello sfarfallio dentro allo stomaco che ci tormenta e non ci fa essere in pace con noi stesse. Qualsiasi cosa facciamo, come la facciamo e le strategie messe in atto per compierla, ai nostri occhi ci sarà sempre qualcun’altra più in gamba di noi, più brava di noi, più organizzata di noi, più creativa di noi, più accattivante di noi. Servizi Bavaria mamma, coppie di tazze tedesche ed inglesi 014

Crediamo di essere a un passo dal traguardo , il fato corto e stiamo per toccare lo striscione…ma proprio per un mezzo metro non ci arriviamo! Possiamo provare inadeguatezza rispetto al ruolo di moglie, se la suocera è imbattibile nello stirare le camicie o nel fare l’arrosto che tanto piace al nostro uomo! Diventiamo rosse paonazze, il cuore batte forte ed arriva il senso di vergogna, se camminando per strada qualcuno ci fischia dietro per una gonna forse troppo corta. calimero

 

Temiamo di fare brutta figura in palestra, perché il nostro giro vita non è come quello di altre compagne di corso. E poi c’è lui, il fratello gemello del senso di colpa: l’ansia da prestazione: vogliamo fare tutto, subito e bene. Ma “presto e bene” stanno male insieme, vecchio detto sempre attuale! Ci lasciamo abbattere facilmente, cadiamo in uno stato di prostrazione profonda ed i risultati raggiunti se ne ritornano indietro, facendoci ritornare punto e a capo, il capino ritorna dentro al guscio e noi indietreggiamo e perdiamo quei pochi successi ottenuti!  Complici gli ormoni, padroni della nostra vita dalla nascita alla dipartita terrena, complici i troppi stimoli esterni, complici le parole che ci sentiamo dire anche dai famigliari che pesano come la lama di una scimitarra, ci troviamo in uno stato perenne di lotta intestina con noi stesse per adeguarci a ritmi e a competizioni inaspettate.vogliadi Primavera 2016 016

I risultati sono catastrofici e ci portiamo addosso sensi di colpa per colpe che nostre non sono. Qualche anno fa, l’uomo durante un amplesso si preoccupava essenzialmente di produrre la sua bella eiaculazione, pochi minuti e tutto terminava così senza porsi domande di come stavamo noi. Era un dato certo che lui doveva avere il meritato orgasmo e noi anche se non lo avevamo, ed era molto frequente!  era la stessa medesima cosa. Ci chiedevamo quindi se eravamo normali oppure frigide, provando il senso di inadeguatezza e di colpa, di vergogna e di umiliazione per essere classificate solo “donne atte alla procrezione”. Insomma mamme, madri, mogli e sorelle, ma non femmine! Che errore madornale, abbiamo consentito si verificasse! E non abbiamo chiarito a suo tempo che non doveva essere così, lo vedremo nel prossimo articolo…Dovevamo sbrigarci anche in quella situazione, altrimenti perdevamo il treno e l’orgasmo! Ci sono inoltre i confronti con altre donne, che pensano di essere onnipotenti, parola che vuol sostituire la più moderna “multitasking”, ( sistema operativo abbreviato in SO, in lingua inglese OS, “operating system”, in informatica, è un insieme di componenti software, che rende operativi da qui il nome computer, apparati e dispositivi informatici.) che non ha certo il significato che noi gli attribuiamo oggigiorno. Questa perenne ricerca della quasi perfezione in ogni settore della nostra vita, ci ha inculcato anche complessi d’inferiorità riguardanti il nostro stesso aspetto fisico. Spesso sono proprio le madri che ci fanno notare difetti che tali non sono, costruendo in noi idee distorte. Fin da bambine ci ordinano di coprire le orecchie perché a sventola, coprire le gambe perché storte, non ridere per via dei denti da castoro, ci dicono che siamo basse, grasse, senza seno e con il naso da nonna Abelarda. Se questi difetti appartenessero ad un figlio maschio, non si chiamerebbero difetti ma “vezzi”! Sarà assai difficile sradicare dal nostro intimo più profondo questi semi cattivi, sarà doloroso entrare in una quasi indifferenza e neutralità nei confronti dell’altro/a. Vivremo ancora lotte quotidiane per sentirci a posto con noi stesse e dirci che abbiamo fatto tutto il possibile, ma se non impariamo a smettere per prime di fare paragoni e confronti diverrà insostenibile proseguire.Servizi Bavaria mamma, coppie di tazze tedesche ed inglesi 017

Ricordiamoci che se decenni fa non raggiungevamo la gioia nel talamo nuziale o non nuziale, forse forse la colpa non era nostra del tutto. Per fare un fosso ci vogliono due rive, per sviluppare un amplesso due persone. Mi piacerebbe molto leggere pareri anche e soprattutto discordanti dal mio! Buona serata a voi, cari e dolci amici!LIDOPODIBORETTOEMIACAMMINATAACANALI 024

globo-angeloviahugo 029

Autore: Fabiana

Sono nata il 6/6/64. tutto il resto é noia, mi trovi su SHPOCK, su VINTED, SUBITO.IT. SE HAI BISOGNO CHIAMAMI X COSE SERIE al 3204380039!

3 pensieri riguardo “Il senso di colpa: origini, cause, conseguenze.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: