Di cessi e di turche, data l’immigrazione clandestina!

Il boss per eccellenza: il Cesso!(…certo è che chi tra voi, malauguratamente si è perso il libro non può sapere a che punto della storia del Water, siamo arrivati!

Darei per scontato che gli altri componenti della classifica stilata, non mi lancino improperi, spero non mi odino, dopo ciò che mi accingerò a fare e in cuor mio auspico di poter collaborare ancora con loro. Mi sento in dovere di dedicare il capitoletto numero due, al “Cesso” per eccellenza e con la “C” maiuscola. Come ho specificato all’inizio di questo percorso, cesso è una parola che troviamo anche nel vocabolario della lingua italiana, perciò mi sono permessa di usarla sovente senza per questo credere di essere una persona volgare.  Non lo accetterei da Voi, gentili amici e rifarei tutto il manoscritto senza pensarci due volte. Questo saggio vuole essere tutto men che irrispettoso o volgare, desidera essere un simpatico manuale al quale ricorrere quando la nostra mente ha un pensiero triste e nefasto, come specificato sotto al titolo.  Queste cinque sillabe C E S S O, rendono bene l’idea di un oggetto, persona, situazione, stato d’animo, spettacolo, amore, ricetta, matrimonio, fidanzamento, divorzio, relazione clandestina, orgasmo, abito, suocera, capoufficio, casa e tutto quello che vi viene in mente che non si possa catalogare nelle altre tipologie sopra menzionate. Hai presente un minestrone fatto con i resti del mare in tempesta che piano piano tornano a galla?frlafuori
Come i dubbi, come gli amori,come le stagioni,come le mode, ritornano sempre. Hai presente quanto ti arrivano quelle bollette tremendamente salate e lievitate e tu non sai chi è il cesso che te le ha inviate e perché ha sbagliato i conteggi proprio a tuo discapito? Poi ti accorgi che non le ha mandate solo a te ed un pochino ti tranquillizzi, cercando di andarci a fondo, pulendo bene con l’acido muriatico. Cesso può essere l’incubo che hai avuto la notte precedente dove hai sognato il tuo ex marito, calvo e obeso, abbarbicato su quel cesso della sua amante.
Cesso è tutto e niente, posso essere anche io quando mangio dieci bruschette prima di dormire, in estate. Siamo tutti noi quando ci facciamo prendere per il c… colletto gratuitamente. Sono coloro che rompendo troppo le padelle non li sopporta più nemmeno un pappagallo.
Il cesso dice “E che, c’ ho scritto Joe Condor?” quando gli sbriciolano un pitale in testa perché canta e sa di essere stonato. Cesso è colui o colei che si va a nascondere in un vespasiano e gioca con la turca senza conoscerla.
Posso essere ancora io, quando leggo il mio libro preferito su di una comoda sconosciuta, tradendo il mio water personale. Ci comportiamo da cessi, quando, senza pensare che gli altri ci vedano, la facciamo di traverso, negli orinali dismessi, credendo che siano water chimici per aerei e facendo finta di essere veri uomini, ben sapendo che siamo donzelle. Il vecchio detto ” l’hai proprio fata fuori dal buco!” vi chiarirà ogni dubbio. Credo sia perfettamente inutile che ci nascondiamo dentro ad un abito da gran soirée, sotto sotto ben nascosto ma di intuibile olfatto, un principio di cessite la possediamo tutti. È una grande epidemia a livello mondiale: dove colpisce non perdona, non guarda in faccia lo status di alcuno, non usa il redditometro e non conosce sesso o religione. L’unico particolare che ci contraddistingue è che qualcuno lo è un po’ meno di altri, qualcuno invece lo è per sempre, dipende dal grado di sopportazione che abbiamo nell’inghiottire gli altri cessi.
Non vorrei ora scandalizzare le persone benpensanti o le aristocratiche del circolo del bridge con queste mie considerazioni!
Anche le nostre care e vecchie amiche di sempre, quelle alle quali puoi confessare ogni particolare della tua vita intima che tanto non lo racconteranno mai a nessuno, posseggono una buona dose di cessite acuta, quando meno ce lo aspettiamo, ce la dimostrano.Poi com’è come non è, nel giro di ventiquattr’ore tutta la tua Regione viene a conoscenza di come fai l’amore, di quanti peli ti sono rimasti sul Monte di Venere, se hai messo le extension o se sono tuoi naturali, se te li tingi perché son diventati bianchi o sono ancora del colore originale. È inutile che si nascondano sotto le larghe tese dei loro cappelli monumentali; l’olezzo e il comportamento da cesso trapelano comunque.
Non per questo dobbiamo farne un esaurimento nervoso, basta accettarlo, deglutire forte e sperare che l’ondata cessometrica passi in fretta.
Questo solo se vogliamo farla passare, altrimenti l’alternativa è iscriversi al concorso annuale per Cessi Doc e sperare di vincere il primo premio.
La gara sarà una guerra spietata, cessi d’ogni razza vi parteciperanno, sgomiteranno a suon di sciacquone per vincere l’ambito primo premio.
Io modestamente, nella mia cassapanca del millecinquecento con i piedi a zampa di leone, autentica, tramandata di nonno in nipote, ne ho diverse decine di questi ambiti trofei. Riuscivo a vincerli soprattutto da ragazza, quando ero ancora spontanea e vera, anzi non dovevo nemmeno fare fatica più di tanto, mi veniva spontaneo e vincevo ininterrottamente.
Tutti i premi conseguiti hanno le note e oramai amate forme che ho cercato di descrivere, non so se la memoria mi tradirà ma credo, in tutta onestà, di averli vinti tutti. Raramente arrivavo seconda o terza in classifica, non mi sarei certo accontentata e puntavo sempre più in alto. A onor del vero sempre più in basso data l’altezza nanesca dei medesimi. Buon pranzo a tutti ricordiandovi che cessi nasciamo, cessi siamo e cessi ritorneremo. Poverizzati naturalmente! Simpaticamente e scherzando vostra, Fabiana

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...