Decisioni.

rosaecoccinelle

Ci sono dovuta arrivare. Un’ammissione con me stessa nuda e cruda, senza possibilità di replica. E’ un dato di fatto e da oggi pomeriggio verrà ad aiutarmi per le faccende domestiche una signora, trovata caso strano da mio marito. Dico caso strano perchè accontentare una Dirigente di Famiglia, sostituendola con una temporanea non  è faccenda leggera. Accontentare poi la sottoscritta, precisa e antipatica nel gestire la casa sino allo spasimo, è cosa ancor più titanica. Il fatto poi che me l’abbia trovata un uomo, nella fattispecie mio marito è ancor più da “digerire”, non ho di certo fatto in tempo a fare qualche colloquio e a sceglierla a mia immagine e somiglianza. Il sant’uomo ha dovuto “prendere il toro per le corna” e in quattro e quattr’otto mi ha reperito questa signor,a refernenziata che lavora anche per alcuni condomini che lui amministra. Dovrò riconoscere che la scelta è stata fatta bene e ponderata? La signora, di nazionalità ucraina parla molto bene l’italiano e già questo è un dato importante! Dalle 14 alle 16.30 ha stirato un vagone di biancheria che giaceva lì da un mese circa ed ora sta alacremente pulendo uno dei due bagni che usiamo maggiormente. Segue già parecchie altre famiglie oltre i condomini, ed ha solo il lunedì pomeriggio libero, quindi prendere o lasciare. Mi pare molto svelta, le camicie sono state stirate bene, non fa chiacchiere e conosce benissimo tutti i prodotti che uso io. Cinquantuno anni, molto curata, 3 figli e 4 nipoti tutti in Ucraina, con un buon profumo che lascia una piacevole scia di pulito in casa. Dovrò riabituarmi ad una persona che gira per le mie stanze, dovrò accettare il fatto che per ora ho bisogno e non posso fare da sola: mi ribloccherei al volo!. Non mi ricordavo più cosa significava avere un’altra donna che non sono io che tocca e riordina al posto mio, era da quando lavoravo in banca che riuscivo a gestire tutto da sola! Con i miei tempi, d’accordo, una stanza alla volta, ma ce la facevo da sola. E’ una strana sensazione, mi sento molto in imbarazzo, non riesco a darle del tu nonostante sia dalle 14 che me lo chiede, ho molto rispetto per queste persone che aiutano chi ha bisogno. Ma faccio due più due e mi dico: Fabiana hai dovuto rallentare il ritmo? Sei invecchiata? gattocheballa

Ti sei ammalata sul serio stavolta? Per ora devo fare così, non ci sono altre soluzioni, ho rimandato il momento ma ora ho bisogno di una persona. Mio marito me l’ha trovata, speriamo che possa aiutarmi sino a che io non mi sia ripresa del tutto, auspicandomi anche di  riprendere il mio posto di comando presto! Ah proposito: non beve acqua, non ha accettato un caffè, non fuma (cosa per me fondamentale!), gira solo con un auricolare nella tasca del grembiule per conversare nella sua lingua forse con i figli. Che strano ma simpatico personaggio la signora Nadya!

caffèedolcetti

Annunci

6 Comments

  1. Tuo marito ha fatto molto bene! L’amore e il rispetto per se stessi e per gli altri accanto a noi passa anche dal riconoscimento delle difficoltà e dall’accettazione dell’aiuto!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...