Affinità di coppia.

20160510_181307.jpg

 

E’ una dote che una coppia dovrebbe avere intrinseca dal momento che si chiama coppia. Invece è una caratteristica ben precisa, che non ha niente a che vedere con l’affinità sessaule ed erotica ad esempio, oppure con gli interessi in comune. A mio pensiero è una sincronia di movimenti e di pensieri molto difficile da raggiungere, complicata da coltivare, empatica e rara a durare per tutta la vita. La si scopre pian pianino, condividendo con l’amato/a bene buona parte della propria vita. Forse all’inizio del rapporto non è così forte perchè prevale la componente della cotta furiosa che tutto brucia e tutto distrugge. E non ci si pone il problema che verranno tempi nei quali l’asticella della passione scenderà ed allora, cosa faranno i due? O si lasceranno per ricominciare da capo il giro, oppure rimarranno insieme per altri mille validi motivi, non ultimo i figli, oppure….scoprono che è nata tra di loro l’affinità. Molte volte si tende a confondere l’affinità vera e la complicità di una coppia, con l’affinità dei segni zodiacali che a parer mio c’entra poco, per non dire nulla. Io parlo di quella corrente sottile ma palpabile che s’innesta tra i due componenti che li porta a prevenirne addirittura i pensieri ed i bisogni. Uno parla, l’altra termina la frase esattamente come lui l’aveva pensata. E’ una sensazione meravigliosa e ti dà l’idea che senza lui non sei completa, ti capisce al primo sguardo e ti conosce così bene che niente per lei/lui è sconosciuto. In questo modo nasce una sorta di intreccio indissolubile, quando uno dei due manca, l’altro si sente perso. Quando c’è forte ed intensa affinità anche la passione erotica se si era un poco affievolita, può riprendere corpo ed allora si raggiunge uno stato di benessere esteriore ed interiore. E’ un dono prezioso, può anche capitare all’improvviso e quando ci si rende conto che sei un tutt’uno con l’altro sei al sicuro e senti che qualsiasi cosa ti succeda lui ti protegge e ti capisce. Non è facile comprendere l’altro, anche se diciamo di amarlo moltissimo e di provare per lui una forte attrazione. L’essere umano, egoista per sua natura anche se tanti pensano il contrario, è propenso a pensare prima di tutto per sè poi per gli altri, compagno compreso. Quando invece si ha la grande fortuna di possedere affinità, ti preoccupi che l’altro stia bene, che sia sereno e che abbia le cure e le attenzioni che merita. Quando basta gaurdarsi negli occhi e leggervi i propri pensieri allora la vita amorosa cambia di significato e diventa una storia importante, da non sprecare per strada. Non bisogna mai arrivare al punto cruciale di perdere l’amata/o per comprendere che era la donna con la quale c’era complicità, affinità e un legame così intenso e forte. Spesso ce ne accorgiamo quando oramai è troppo tardi e l’affinità che intendo io non si prova con chiunquehiunque. Che co20160531_192523.jpgsa ne dite?wp-1465059790536.jpeg20160531_192505.jpg

Annunci

14 commenti

  1. Forse a volte confondo l’affinita’ con l’attrazione, sara’ quello. Ma capita a volte di parlare con una persona per un secondo e di leggere il suo passato, e di sapere quante cose si hanno in comune. Grazie per il tuo post, davvero uno spunto di riflessione…

    Mi piace

  2. E’ vero, io la chiamo essere come un paio di scarpe ovvero la destra non procede senza la sinistra e viceversa e, quando uno dei due viene a mancare perché muore (soprattutto se dopo tanti tanti anni insieme), per chi rimane è una devastazione, anche perché di solito si tratta di una persona anziana e quindi indifesa come un bambino.

    Mi piace

  3. Un breve ma bello e significativo post. Io ho sempre sbagliato la scelta della persona. Oppure ho incontrato la persona nel momento sbagliato. Ancora ho perso una persona per una malattia. Rimpiango la mia ex moglie, ma l’attuale mi ha dato un bimbo. Col tempo ho però capito che sarei stato capace di rovinare anche quelli che sarebbero potuti essere i rapporti ideali; l’ho capito cercando di immaginare come sarebbero potuti andare. E’ difficilissimo essere coerenti; non lo si fa nemmeno per cattiveria, è che la passione è una brutta bestia, se si hanno mire più lunghe. Alla fine il problema è che alla presa di coscienza che dici tu bisogna arrivarci in due, se no si è punto e a capo.

    Mi piace

    • Continuerò con un altro approfondimento visto che sta destando curiosità ed interesse. Intanto ti ringrazio tanto x la tua testimonianza che in parte condivido. Però ti dico anche che i momenti di sbandamento si possono avere. Ma ad un certo punto della ns vita anche il più sfrenato Latin lover si ferma. Proprio perché sente che con quella persona è scattata la scintilla che non si spegnerà. Certo molto dipende da che cosa si vuol costruire insieme. È un attimo sbandare comunque…😘

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...