Un fatto grave e preoccupante. 

Scrivo x mettere al corrente i miei concittadini  di due fatti entrambi gravissimi, compiuti da parte di un corriere SDA delle PT di Reggio Emilia.  Cerchero’ di essere il piu’ chiara e neutra possibile nell’esposizione dei fatti, anche se la paura non mi è ancora passata. Giovedì 14/4/2017 passa da casa mia a Canali, un corriere SDA x recapitarmi un pacco. Io non sono in casa, sono fuori x fare la spesa e in casa c’è solo la mia bimba di 12 anni. Invece di lasciarmi l’avviso x andare a ritirare il pacco nell’uff. Postale in Stazione, appone al mio posto la mia firma, falsificandola. Trattasi quindi di firma “apocrifacome si studia in Diritto a scuola. Torno a casa verso le 13 e trovo il pacco messo nel mio cortile, lo apro e trovo l’intero contenuto in briciole. Chiedo a mia figlia chi è che ha firmato la ricezione del pacco e la ragazzina,  piccola ma non stupida! Mi risponde che ha firmato il corriere e poi se n’è andato via correndo. Faccio quindi il necessario reclamo alle PT il 21/4 x avere il rimborso della somma, somma che peraltro devo ancora ricevere. Narro ora il secondo fatto ancor più grave e x me traumatizzante. Mercoledì 10/5 torna a casa mia lo stesso corriere SDA, suona e ha un altro pacco da consegnare.  Gli chiedo ragione del perché ha falsificato la mia firma e pretendo spiegazioni plausibili. Come risposta ha iniziato ad urlare, a dirmi che IO gli stavo facendo “stalker”, urlava di non toccarlo, nessuno lo toccava, per carità! Mi fotografava con il suo cellulare e, con gli occhi fuori dalla testa,  mi ha detto che ci saremmo trovati fuori da casa mia per regolare i conti. Non ho neanche terminato di mettere la mia firma  x esteso x l’ avvenuta ricezione, che mi ha dato il pacco in malo modo, rischiando che andasse rotto il contenuto x la seconda volta. Come risposta ha iniziato ad urlare, a dirmi che IO gli stavo facendo “stalker”, urlava di non toccarlo, sembrava INDEMONIATO, mi fotografava con il suo cellulare e, con gli occhi fuori dalla testa,  mi ha detto che ci saremmo trovati fuori di casa mia  per regolare i conti. Non ho neanche terminato di mettere la mia firma per esteso x l’ avvenuta ricezione, che mi ha dato il pacco in malo modo, rischiando che x la seconda volta, andasse rotto il contenuto. Ho provato ad andargli incontro, nel mio vialetto di casa,  chiedendogli gentilmente di scendere dal camion x parlare in modo civile, ma lui continuando con le minacce,  se n’è corso via. Dal momento che ero sola in casa e dal momento che il signore era fuori di sé e poteva anche mettermi le mani addosso, impaurita e con le gambe che mi tremavano, ho immediatamente telefonato al punto SDA di Reggio Emilia x riferire il brutto accaduto. Morale della favola: il signor corriere è stato sospeso dal servizio e gli verrà decurtata anche una somma di danaro. Come dire, le Poste Italiane, si sono dimostrate intelligenti e hanno capito i 2 fatti gravissimi capitati dunque x mezzo della stessa persona alla stessa persona.  Volevo ringraziarli di cuore, per cio’ che hanno fatto x un cittadino normale, che ha avuto la sfortuna di imbattersi x ben 2 volte di fronte ad una persona un tantino…agitata. Sperando di non trovarmelo mai più davanti.

Fabiana Schianchi.

Annunci

39 commenti

    • Non le ho nemmeno più io Quarc! Più che di maleducazione che c’è senz’altro, io parlerei di pazzia e nevrosi di quel signore. Spero che finisca qui e che non mi faccia del male visto che tra l’altro abita anche poco distante da casa mia.

      Mi piace

      • Non sono d’accordo con te cara Silvia! Le persone sono tutte nevrotiche, nervose, maleducate e non rispettano più il vivere civile e le buona maniere causa forse io pazzo e MULTITASKING mondo nel quale viviamo. Alle rotonde non si dà più la precedenza, ci si sorpassa da destra, il fila alla posta se sbagli e ti avvicini allo sportello perché hai letto male il,numero vieni aggredita verbalmente in malo modo. In fila in farmacia, al supermercato e in ogni posto ci sono sempre i furbetti che ti vogliono passare davanti. Al semaforo se non scatti subito al verde, chi c’ è dietro ti strombazza con il clacson o ti fa il dito medio. Per non parlare dei delinquenti che ti vengono in casa o nel tuo negozio x rapinarti e se solo ti azzardi a sparargli alle gambe o tanto peggio lo uccidi, ci vai tu in galera mica loro. Ed altro che non ho voglia di scrivere ma che tutti sappiamo! Scusa Silvia ma tu questa li chiami “incidenti di percorso” o pazzia che purtroppo sta dilagando tra le persone.?? Dammi una risposta plausibile perché io credo che non stia funzionando bene qualcosa nelle menti delle persone….

        Liked by 1 persona

      • E’da quando sono nato, molte e molte stagioni fa, che sento la gente parlare dell’impazzimento generale: un tempo c’era pure il terrore atomico. Ovvero che scoppiasse da un momento all’altro un conflitto nucleare che ci cancellasse dalla faccia della terra. Puoi immaginare lo stress di quanti, giovani, temevano di non riuscire a vedere il giorno nuovo. Questo per dirti che siamo sempre sottomessi a stress di ogni tipo da sempre. Oggi, poi, con l’irrompere dell’informazione virale, ci ritroviamo a vivere come in un salotto globale, in cui non c’è luogo distante. Ma anche regioni remote finiscono per esserci presenti, come ci vivessimo. La cosa, lungi dal darci senso di libertà, finisce per sottoporci a bombardamento quotidiano di notizie inquietanti. Il tutto finisce per diventare un chiacchiericcio, un rumore di fondo che va ad incidere sull’immaginario del cittadino, alimentandone timori e stress. E’vero che ci sono periodi, come questo, in cui la crisi economica genera crescita di fatti di criminalità di diverso genere. Però, a sentire le statistiche, non è questo nostro momento. Quello che risulta più realistico è che stiamo attraversando un periodo di transizione, non si capisce quanto possa durare. E la transizione reca con sè percezioni di precarietà, d’insicurezza e paura per la propria incolumità che si traduce in intolleranza, in nevrosi e degrado della socialità. Accanto a tutti i tuoi esempi, potrei citare anche la prepotenza degli arricchiti che impongono la loro visione individualistica del mondo, la corruzione, le mafie, il malaffare, le guerre che sempre più si avvicinano ai nostri confini, le masse di disperati che si muovono dai loro paesi devastati da guerre, carestie, fenomeni climatici estremi…
        Credo che, quel che ci manchi è semplicemente una più spiccata coscienza sociale e quindi una certezza del diritto. Ovvero di uno stato che faccia rispettare le regole a partire dal divieto di sosta per finire all’invasione della dimensione privata, come quella del furto in abitazione. Però è anche vero che non si può cedere alle generalizzazioni che ci vogliono armare fino ai denti per rispondere ad eventuali delinquenti. La cosa non farebbe altro che il gioco dei delinquenti, poichè il far west si sa a chi giovava. Io pretendo che sia lo stato a dovermi difendere, non io ad armarmi per difendermi, poichè potrei incontrare un ladro più veloce di me e quindi fare comunque una brutta fine. Ma, a parte questo, come dicevo: alla base del vivere civile c’è il contratto, noi cediamo il monopolio della violenza allo Stato, affinchè lo Stato ci difenda. Se non lo fa, è con lo Stato che dobbiamo protestare. Ma anche non lasciandoci travolgere da professionisti del terrore, coloro che sfruttano i casi di sangue, per richiedere sempre più libertà nell’uso delle armi. Come dimostrato negli USA, con decine di migliaia di morti(moltissimi bambini) ogni anno a causa della libera circolazione delle armi.
        Spero di essere riuscito ad essere sufficientemente chiaro, in caso contrario invoco clemenza…
        Un caro saluto

        Mi piace

      • Madonna che post nel post! Hai ragione ma secondo me tu usi ancora quel buonismo che io non conosco più. O molto poco. Se fossimo in un paese senza Papa voterei di certo x la pena di morte. Aborro gli stupratori seriali, i pedofili preti, chi sfregia con l’acido le donne, chi sfrutta i bimbi….e la lista è infinita. Dio perdona ancora? Io un po’ meno. Poi mi domando se Dio c’è veramente e se c’è dove si nasconde quando uno dei suoi discepoli, cioè un prete sta abusando di un bambino innocente?? Anche io spero di essermi spiegata bene. Buona serata!

        Liked by 1 persona

      • Che brutta parola, buonismo, il contrario dovrebbe dirsi cattivismo. Personalmente non mi ritengo nè l’uno nè l’altro: cerco soltanto di ragionare con la mia testa, senza lasciarmi trascinare dall’imbecille che mi risponde male allo sportello, piuttosto che dall’automobilista che sbatte la macchina sul passaggio; per non dire di quello che mi passa avanti quando sono in coda. Anch’io aborro tutto ciò che lei aborre, ma non per questo immagino di farci la guerra: sarebbe come lasciarsi trascinare su quel terreno infido e scivoloso, nel quale sono certo che non eccellerei. Per quanto riguarda dio, mi ritengo agnostico e quindi non penso che sia buono o cattivo, casomai dico che è come una coperta troppo corta che ognuno tira dalla propria parte…
        Perdoni se sono stato prolisso
        Una splendida serata a lei

        Liked by 1 persona

      • Io già ci scrivo sempre con penna e su carta. Quando vado sul web è solo per pubblicare i miei scritti. Ma prima c’è una lunga elaborazione su carta e nella mente. Ma questo è solo il mio modo di affrontare la scrittura. Però capisco che molti amino scrivere in presa diretta sul web. La cosa risuterà spontanea, però credo che pecchi di quel qualcosa di essenziale che è la riflessione: si è troppo poco abituati a riflettere, anzi, ci si è disabituati a riflettere. E questo è un grave danno per l’individuo…
        Un sereno fine di settimana…

        Liked by 1 persona

      • Anche a me piace molto scrivere ancora a mano, soprattutto in occasioni di vacanze compleanni anniversari natali a Pasqua. Amo scegliere il biglietto ad hoc pensando a chi lo riceve, amo scrivere una breve frase senza la sterile e cruda frase di circistanza” auguri di un sereno Natale”. È via discorrendo.Ritengo

        Liked by 1 persona

      • Ottima e preziosa abitudine, oserei definire la tua. Io purtroppo non ho una bella calligrafia. Però, siccome in qualsiasi momento mi viene da buttare giù qualcosa, allora mi ingegno con penna e calamaio ovunque io mi trovi: è molto più simile ai geroglifici la mia grafia…

        Liked by 1 persona

      • Che bello! Riscoprire il piacere di scrivere a mano in bella grafia e magari profumare la lettera come facevano le ns mamme quando scrivevano ai fidanzati in guerra. Sono senz’altro abitudini da Riscoprire. Io ad es. Cerco sempre biglietti di auguri (soprattutto) di Natale e compleanno, diversi dai soliti. Abbiamo la fortuna di avere a REGGIO EMILIA 2/3 negozi che vendono tutto in carta….tra questi ci sono biglietti meravigliosi! Ah proposito….te l ho detto che io ne ho un album pieno zeppo e li colleziono tutti? Buon lunedì. Posso sapere il tuo vero nome di battesimo? Non mi piace più colloquiare muta con degli pseudonimi. Al di là di queste muti blog ci sono pur sempre delle persone in carne ed ossa. O no?

        Liked by 1 persona

      • Se è per questo è da sempre che scrivo a penna,consumando carta e polpastrelli, seppure con pessima grafia, per non dire orribile, però non riesco a farne a meno…
        Amo dirmi come fatto di sole parole, null’altro che parole. Ma capisco che ci si possa sentire spiazzati nel parlare con un cumulo di parole scritte. Allora posso confidarti che, questo cumulo di chiacchiere, in genere viene appellato con il nome di Salvatore. Strano, vero? Che un mucchio di sillabe possa chiamarsi con tale nome…

        Mi piace

      • Tutto ok oggi! Pizza pronta da mettere in forno….come ogni mercoledì finché il caldo sarà accettabile è consuetudine farla. Poi la farò in montagna dal 1 luglio in poi…finalmente al fresco e in relax. Ma prima mi aspetta Lindos in Grecia!

        Liked by 1 persona

      • Buona pizza: me ne arriva la fragranza fino alla mia tastiera… Come antipasto una bella insalata greca non è per niente male, ci si potrebbe associare pure un bel sublaki……..
        Buoni preparativi allora!

        Mi piace

      • Ritengo non c’entra….ti auguro invece una allegra e solare domenica nella quale poter camminare a piedi nel verde e prendere la prima tintarella che prepari la pelle x il mare. Un caro e sincero abbraccio.

        Mi piace

    • Guarda se mi si riavvicina anche solo da lontano lo farò, me lo hanno suggerito anche i suoi colleghi delle PT. NON È NORMALE QUEL GIOVANE, PURTROPPO X LUI E X LA SUA FAMIGLIA, SONO SICURA CHE QUANDO LO RIAMMETTERANNO AL LAVORO FARÀ ALTRE CAZZATE. SPERO TANTO NON AI MIEI DANNI O DI MIA FIGLIA PICCOLA. COMUNQUE HO LE TELECAMERE DI SORVEGLIANZA ED È VENUTO REGISTRATO TUTTO.

      Mi piace

  1. Sono sempre episodi spiacevoli e hai ragione nel credere che molta gente sia un po’ fuori dalle righe, ma c’è da dire che il consiglio di Maria non è del tutto errato, soprattutto per quanto scrivi riguardo alla persona in oggetto. Se è davvero svirgolato come tu scrivi, adesso che è stato sospeso potrebbe diventare pernicioso, poiché potrebbe vederti come causa dei suoi mali e cercare di ripagarti. Ovviamente, è soltanto un ipotesi dettata dai tempi ostili in cui viviamo, ma non credo che sia il caso e non penso che il personaggio sia così idiota da non aver recepito il messaggio “datti una calmata”. Ma nel caso in cui dovessi sentirti poco sicura, non indugiare e interpella le forze dell’ordine. Saranno loro a cercare di capire se trattasi di persona mentalmente disturbata. 🙂 Buon weekend.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...