Se c’è un modo giusto..

Se esiste un modo corretto ed esatto per pregare, io non l’ho ancora imparato. Forse non basta dire le preghiere che ci hanno insegnato, affidandoci con fede ad entità superiori che chiamiamo Gesù, Maria, Santa Rita o Padre Pio. Eppure coloro che hanno per così dire ricevuto grazie, miracoli (parolona da prendere con le pinze), le persone che sono state esaudite nel chiedere qualcosa importante, che metodologie di preghiera hanno usato? Basta entrare in una Chiesa qualsiasi per notare quei quadretti a forma di rombo, con dentro di solito un cuore di metallo o d’argento, chiamati EX VOTO, per accorgerci di quante persone sono state esaudite nelle loro richieste. Non so se siano state “raccomandate” o se Gesù accontenta chi vuole e chi reputa degno di essere accontentato. La risposta sarebbe troppo banale e scontata se così fosse x davvero! Mi chiedo spesso dove sbaglio, se mi rivolgo a loro con superbia e cattiveria, se non sono abbastanza umile mentre chiedo un aiuto o un consiglio, che qui sulla Terra, dai miei simili non riesco ad avere. Mi hanno insegnato il Padre Nostro e L’Ave Maria ben prima delle scuole elementari, a seguire tutte le altre preghiere classiche e conosco le parole del Vangelo che si recitano durante la Santa Messa tutte a memoria. E questo è il modo classico, da bravi scolari e da credenti cattolici che fanno il loro dovere e si rivolgono a Dio, nella maniera convenzionale. Come fosse un po’ una cosa da dover fare ogni giorno, per accontentare la coscienza e dirci che siamo ottimi cristiani perché abbiamo detto le preghiere. Di solito al mattino o alla sera prima di dormire, ci si addormenta con il Rosario in mano, sicuri e convinti di aver fatto il nostro dovere. Poi ci sono gli altri, che invece pregano ogni qualvolta ne sentano la necessità, usando parole semplici e dirette, parole povere dettate dal cuore e dal bisogno, come si parlasse ad un vecchio e caro amico/a, spiegandogli per filo e per segno ciò di cui avremmo bisogno. Monologhi lunghissimi, estenuanti, magari davanti ad immagini religiose o a statue, che ovviamente non rispondono, ma che rimangono ferme ed immobili con la stessa espressione per tutto il tempo delle nostre preghiere. Come delle statue di cera o di gesso per l’appunto! Come farci ascoltare dal Divino e dalla Provvidenza, ammettendo e credendo che ci siano, ma che in quel momento hanno altro da fare e sono molto molto distratti.

Autore: Fabiana

Sono nata il 6/6/64. tutto il resto é noia, mi trovi su SHPOCK, su VINTED, SUBITO.IT. SE HAI BISOGNO CHIAMAMI X COSE SERIE al 3204380039!

8 pensieri riguardo “Se c’è un modo giusto..”

  1. pregare? Ognuno lo fa come sa farlo ma la ricetta miracolosa dei miracoli non esiste. Sarebbe troppo facile, pregare e trovare esaudito il proprio desiderio. Come si fa? Non lo so. Si prega, se si crede, e basta

    "Mi piace"

    1. Scrissi a suo tempo un paio di post dal titolo”La strada dei miracoli si è interrotta”. Forse non l’hanno mai costruita e la vita va come deve andare e come è già stato stabilito. Continuerò a pregare come sono capace, se ottengo qualcosa di bello e caro me lo terrò stretto, diversamente continuerò a pregare lo stesso. Buona domenica caro Gianpaolo.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...