FAI PRESTO CHE È TARDI!

Sono nata e cresciuta sempre con questa frase concitata, detta d’un fiato da mia mamma ansiosa, agitata, psicopatica, schizzata ed altro… Mi risuona ancora nelle orecchie, purtroppo la ripeto ai miei cari, anche se cerco di morsicarmi la lingua. Mi picchia in testa come un martello pneumatico, è un mantra cattivo che sempre mi accompagna come una seconda pelle.

Fai presto a fare colazione che perdi il tram!

Fai presto a fare la sacca che devoVENIRE in bagno anch’io!

Fai presto a studiare che devi apparecchiare

Fai presto a lavarti che ci dobbiamo lavare anche noi

Fai presto a vestirti dobbiamo andare..

Sbrigati che tuo padre ha fretta….

Sbrigati che perdi la Messa..

Fai in fretta che devi andare a fare la spesa.

Fai presto a sposarti così vai via da questa prigione

Fai presto che perdi il catechismo

Fai presto a vestirti che arrivano le zie..

E così a furia di fare tutto in fretta e con furia, si fanno errori e valutazioni sbagliate, si prendono cantonate che nemmeno immagini. Anche oggigiorno, ci hanno messo dentro ad un ingranaggio che funziona come un tritacarne, ci fanno credere che più si fa meglio siamo, ci hanno plagiato e fintamente lodato chiamandoci” multitasking “. Questa è la più grande stronzata ( scusatemi il francesismo) del secolo.! Chi più fa più rischia di fallare e fallare male, di sbagliare strada, di incasinarsi la,vita senza modo poi di uscita! Chi va piano va sano e prova ad andare lontano. Meglio una cosa in meno ma QUELLA CHE FACCiamo PROVIAMO a farla bene, altrimenti ritorniamo a farla e impieghiamo il doppio del tempo. RISULTATO: MAGGIOR TEMPO SPESO X Riparare all’errore iniziale. LODI e sorrisi alle iniziative importanti di Greta, ma anche in questo caso, per noi è x le nostre generazioni è gia TROPPO TARDI. SI CERCA FORSE DI Chiudere la stalla quando i buoi sono già scappati? Fai presto che il mondo brucia e si sta autodistruggendo! Ma cavolo, fermarsi prima? No ehhhhh.

Autore: Fabiana

Sono nata il 6/6/64. tutto il resto é noia, mi trovi su SHPOCK, su VINTED, SUBITO.IT. SE HAI BISOGNO CHIAMAMI X COSE SERIE al 3204380039!

9 pensieri riguardo “FAI PRESTO CHE È TARDI!”

  1. Potresti aver ragione, ma hai fatto un esame approfondito,?
    O l’hai scordato per la fretta?
    Sono anni che si prendono posizioni abbastanza interessanti, attuare certe modifiche alla vita del globo è altra cosa. Se tornassimo alle caverne fino al 2050, cambierebbe poco, sicuramente non peggiorerebbe l’inquinamento, ma il pianeta continuerebbe a riscaldarsi, come accadde intorno al 1000, quando gli antenati di Greta chiamarono la nuova terra scoperta Groenlandia (regione verde) oppure Vinland (regione del vino) per il Labrador.
    Successivamente tutto si raffreddo’, tornarono i ghiacciai anche sulle Alpi ecc.
    Pensa che se visitassi le grotte dei Balzi Rossi al confine con la Francia, ti accorgeresti che l’acqua del mare arrivava ben più in alto e parliamo di 10000 anni non del giurassico, segno che in tempi remoti, i ghiacciai si erano già sciolti e ricomposti.
    Pensare di fermare il respiro del pianeta è una presunzione assurda che una bambina alla quale hanno rubato i sogni, cerca di propinare , forse imbeccata e sicuramente plagiata, come i vecchi gruppettari sessantottini

    Vero.
    Per quanto riguarda il clima occorre molto di più che tornare nelle caverne.
    Un abbraccio
    Giancarlo

    "Mi piace"

  2. Potresti aver ragione, ma hai fatto un esame approfondito,?
    O l’hai scordato per la fretta?
    Sono anni che si prendono posizioni abbastanza interessanti, attuare certe modifiche alla vita del globo è altra cosa. Se tornassimo alle caverne fino al 2050, cambierebbe poco, sicuramente non peggiorerebbe l’inquinamento, ma il pianeta continuerebbe a riscaldarsi, come accadde intorno al 1000, quando gli antenati di Greta chiamarono la nuova terra scoperta Groenlandia (regione verde) oppure Vinland (regione del vino) per il Labrador.
    Successivamente tutto si raffreddo’, tornarono i ghiacciai anche sulle Alpi ecc.
    Pensa che se visitassi le grotte dei Balzi Rossi al confine con la Francia, ti accorgeresti che l’acqua del mare arrivava ben più in alto e parliamo di 10000 anni non del giurassico, segno che in tempi remoti, i ghiacciai si erano già sciolti e ricomposti.
    Pensare di fermare il respiro del pianeta è una presunzione assurda che una bambina alla quale hanno rubato i sogni, cerca di propinare , forse imbeccata e sicuramente plagiata, come i vecchi gruppettari sessantottini

    "Mi piace"

  3. È un modo per non inquinare.
    Le caverne , senza riscaldamento, senza internet, senza….
    Quasi tutto ciò che facciamo è inquietante, compreso respirare.
    Ma le tempeste solari, le eruzioni vulcaniche, le macchie solari che si allargano e si restringono, gli asteroidi che passano influenzando il campo gravitazionale, l’asse terrestre che oscilla…
    La lista di cose da mettere in ordine è lunga, ma non alla nostra portata.
    Un sorriso rassegnato
    Giancarlo

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: