No, all’editoria a pagamento!

In Italia vengono pubblicati mediamente 55000 libri ogni anno. Tutti gli Editori italiani, grandi, medi o piccoli che siano, ricevono ogni giorno decine e decine di manoscritti da valutare  da perfetti sconosciuti, speranzosi e bramosi di veder pubblicato e possibilmente venduto, il loro libro. Non ho dubbi che queste persone, tra le quali la sottoscritta, mettano nelle parole che esprimono, attraverso il loro manoscritto, tutta la loro anima, i loro sentimenti, la loro fantasia ed il loro cuore. Questo al di là del risultato che il libro potrebbe avere, che il contenuto piaccia e sia un successo, oppure che siano parole al vento e risulti essere una grande delusione letteraria. Un Editore serio e competente, pubblica un manoscritto ogni sessanta circa ricevuti, valutandolo attentamente. C’è chi invece pubblica “la qualunque”,traendo profitti nel fare pagare quasi totalmente gli sconosciuti autori, non consapevoli della “beffa” alla quale stanno andando incontro. Questi ignari,
ma speranzosi scrittori, se non possiedono cognomi di un certo calibro,
oppure se non hanno pubblicato almeno un altro titolo,ricevono indecorose ed offensive proposte di pubblicazione a pagamento. O “con piccolo contributo” come lo definiscono i “felloni” ma in termini di migliaia di euro. Fatta la doverosa e scontata premessa,che tutto ciò che viene scritto o pubblicato nel mondo, non è
degno di essere chiamato “opera letteraria”, fatto salvo che una quantità imprecisabile di titoli non sarebbe nemmeno adatta per accendere il caminetto, diciamo “NO” alle porcheri, e “SI’ agli scritti veramente validi ed interessanti. Stop, senza divisioni e squadre di Editori a pagamento, Editori senza pagamento ed ….Editori a doppio binario. Cioè quelli del sì e del no, quelli del “dipende”. Continua a leggere “No, all’editoria a pagamento!”