Odio le polemiche sterili.

Cerco di rispondere nel modo più educato possibile alle due striminzite
righe dedicatemi dalla signora Cagossi Fabrizia, edicolante di Canali, che non capisco il perchè si sia sentita chiamata in causa. La mia lettera non era rivolta assolutamente ai Tabaccai o a chi vende sigarette e i generi che ho menzionato, ma avrebbe voluto essere  un tantino più profonda e seria. La signora, vendendo i quotidiani, oltre ad altri numerosi generi di tabaccheria/edicola, dovrebbe conoscere a menadito l’uso che si fa di un giornale e nella fattispecie a che cosa serve un  quotidiano, cioè un insieme di fogli con un odore particolare, che esce tutti i giorni, aggiornandoci su come va il mondo. Il mestiere del giornalista o di chi scrive su un giornale, a volte può risultare antipatico, a volte esagerato, ma rimane pur sempre un mestiere di diffusione capillare dei fatti, serve non solo per informare, ma anche per esprimere, in modo elegante e corretto, le proprie personali opinioni. In particolar modo, questa interessante e
ben curata Rubrica “Noi Reggiani”, dà la parola a molte cittadini/e,
permettendo loro di fare osservazioni e commenti.  A volte si ricevono
critiche costruttive ed interessanti, scambi di pensiero, pareri
diversi, ma dovrebbe restare fermo e saldo, il principio della buona
educazione, anche nel dialogo scritto. Non dovrei essere io a ricordare
alla signora, che ci sono migliaia di persone dipendenti dal vizio del
fumo, che sviluppano tumori maligni ai polmoni o altri organi,
procurando non solo i decessi dei soggetti, ma caricando le USL e la
nostra società di costi altissimi, in termini di danaro, per curarli.
Non credo glielo abbia ordinato il medico di “pipparsi” un pacchetto di sigarette al giorno! Da semplice cittadina che ha subito
molteplici lutti di persone care per tumore, in tutta onestà credo che
alcuni tipi di tumore, sarebbe opportuno non andare a cercarseli. Le
parlo da ex fumatrice accanita, circa 20/25 sigarette al giorno, questo
sino a nove anni fa. Continua a leggere “Odio le polemiche sterili.”