Diatribe tra cosche telefoniche.

Vorrei rendere partecipi i miei cari compaesani, dell’accaduto antipatico ma tutto sommato anche piacevole, del quale siamo stati protagonisti,volenti o nolenti io e la mia famiglia dal novembre 2009 a tutto ieri 20 gennaio 2010.Tutto ebbe inizio,quando mio marito ed io nel novembre scorso decidemmo di passare dal gestore TELECOM al gestore INFOSTRADA. Fin qui nulla di anormale: è diritto di ogni cittadino cambiare gestore per la linea telefonica. Mandiamo i documenti necessari al passaggio,tramite raccomandata con R.R., che indietro mai non torno’,espletiamo tutte le pratiche con precisione e attendiamo fiduciosi il passaggio. Da quel momento per tutta risposta non solo ci viene tolta la linea telefonica, ma anche la ADSL. Dopo varie e varie telefonate da parte nostra ai due gestori,altre lettere di reclamo scritte,faxate,scritte a mano,a macchina Olivetti,mandate col piccione e non,riceviamo solo parole di conforto,che ci invitano a mantenere la calma e ad attendere. Peccato!In prossimità delle feste natalizie avremmo usato volentieri il telefono per scambiare gli auguri a voce, avremmo usato le e-mail per disegnini simpatici e perché no! La sottoscritta avrebbe volentieri consultato Internet anche per motivi di lavoro. Nulla. Silenzio telefonico completo e gioco di ping-pong tra i due gestori, che dandosi la colpa (brutta bestia! non la vuole mai nessuno)l’un l’altro, non sanno cosa rispondere, adducendo che i tecnici devono andare in centrale, da dove il nostro paese dipende,per controllare il guasto. Ma ahimè, complice la neve, complice Telecom che non vuole lasciare lo scettro,pardon,il cliente, complice Infostrada che non vince il match su Telecom, morale della favola chi ne fa le spese?Ovviamente sempre “Pantalone”, che senza telefono, senza Internet, senza fax e con il cellulare rotto, che fa? Dal cassetto estrae carta, penna e calamaio e manda gli auguri natalizi a biro, con i disegnini fatti a mano!Oggi 21 gennaio, chi vi scrive ha la linea ADSL, ma e’ già stata avvisata dagli schermitori, che sarà per poche ore,perché la guerra non e’ ancora stata vinta e l’ultimo match devono giocarlo. Sorrido, attendo fiduciosa e sperando di riuscire a terminare la mail per il nostro beneamato quotidiano,auguro a lor signori un buon anno nuovo.

Canali,Dicembre 2010.