Complicazioni sentimentali e sessuali parte terza.

Per forza di cose ho dovuto aggiungere la scontata ma veritiera parola “sessuale”, mi e ci servirà per capire che cosa succederà da quel bar in poi ai due protagonisti della nostra storia. Seduti più o meno comodamente sulle poltrone del Bar dei Fidanzati, l’ex marito non si capisce come mai, ma pare avere un tic nervoso che lo porta a grattarsi di continuo le parti intime, suscitando nella controparte un moto di obbrobrio non indifferente. Con un tono da educanda di convento e una vocina al miele d’acacia, gli sussurra dentro alla protesi dell’orecchio:”Ma allora ti faccio ancora un certo effetto, nonostante siano passati decenni?”,emanando un sentore di feromoni, che stordiscono lui e imbestialiscono lei. L’ex marito, ex aitante, ex risposato, ex dotato,  demoralizzato e contrito le risponde che è il pannolone che non ne vuole sapere di stare al proprio posto, mettendola in un grave imbarazzo. Affranti, decidono di ordinare due camomille con un sospetto di cognac dentro e un’idea di Sambuca Molinari, memori di quando ne sorseggiavano a litri prima di ogni incontro. Lei è felice, le sembra di essere ritornata indietro nel tempo e di avere vent’anni, ma quando il cameriere posa le noccioline, le patatine, le olivine ed i pistacchini, come accompagnamento alle tisane, lei addenta una manciata di tutto con la voracità di una leonessa a digiuno da due anni e fa partire, come un missile della Nasa, la protesi dentaria superiore che arriva diritta nell’occhio di vetro di lui, sbriciolandoglielo in mille piccoli bagliori! Beata protesi di cemento amianto! per una volta il dentista non ha mentito, dicendole che avrebbe distrutto una base nucleare e che poteva servire come arma impropria per i dirottatori di verginità occulte!  Rotto l’occhio di vetro, frantumato il cristallino, deformato l’iride e devastati i quattro interventi di cataratta, Ahimè! I due sono rattristati, delusi, intimoriti e le loro palpitazioni salgono a tal punto, che devono mettere sotto alla lingua la compressa per il cuore e per l’ipertensione, alla veloce, altrimenti un attacco di angina ciascuno non glielo levava nemmeno il Padreterno! E fu così che all’ex moglie, viene l’idea bizzarra di fuggire via da quel bar, per andare a rintanarsi vergognosamente nel suo nuovo appartamento da single poco convinta. I due pagano, tremolanti il conto, si avviano claudicanti verso casa, sostenendosi a vicenda l’un l’altro, consci e consapevoli che il tempo è passato e non ritorna più. Continua a leggere “Complicazioni sentimentali e sessuali parte terza.”