I mestieri moderni.

Sono tante le cose che ho imparato a fare nel mio mezzo secolo di vita. Sono tanti i piccoli o grandi mestieri nei quali mi sono cimentata sino ad oggi, tutti diversi tra di loro, tutti molto utili alla mia  formazione  di donna, moglie e lavoratrice.  

So di non aver ancora finito d’imparare, non si finisce mai! So che rimarrò legata alle mie note passioni e so che forse un giorno,  invece di continuare a vendere il vintage e l’antiquariato, mi metterò tranquilla a fare la nonna….

Tra tutti i mestieri che quotidianamente svolgo e come me tantissime donne, ce n’e uno che amo a dismisura e nel cui ruolo, mi ci trovo molto bene. 

Certo che per fare ciò che tra poco vi dirò, non serve il libretto d’istruzioni, non ci sono scuole per andare ad impararlo e si commettono errori in continuazione.  Ma si può sempre migliorare ed imparare, se solo lo vogliamo e ci applichiamo con costanza ogni giorno.   Non serve diploma o laurea, non servono master o stage, non ci vuole l’Erasmus o il tirocinio in azienda, non dobbiamo andare a fare l’apprendistato sperando poi di venire assunte ed avere il posto fisso fino alla pensione. 

Per svolgere questo antico mestiere, che è  x me il più bello del mondo, bisogna nascere con la vocazione, occorre sentirselo nel cuore, occorre saper guardare con occhi amorevoli e protettivi chi ci sta davanti. Io quegli occhi li’ per come li intendo, non li ho mai avuti sul  mio piccolo corpicino di bambina. 

Dunque dolci lettori e lettrici, per svolgere questo mestiere che amo più di tutti gli altri, occorre AMORE, PAZIENZA, DEDIZIONE,COMPRENSIONE, CURA, BASTONE E CAROTA….e lascio a voi gli altri sostantivi. Se non l’avevate ancora capito il mestiere di mamma è quello che sento più mio. E non lo cambierei per nulla al mondo, nemmeno per una carriera a Dubai, dove vivrei facendo il bagno nel petrolio, sventolando miliardi di euro… Buon pranzo a voi, vi aspetto..