Fabianina ingenuina. (ripubblicato)

Eri troppo costruita e diligente,ancora scolara e già volevi
essere maestra di vita. Che presunzione alticcia!
Paurosa della vita e dell’ignoto, non ti hanno aiutata a maturare,quando dovevi farlo.Ti a tteggiavi a saputella, non sapendo nemmeno
dove avevi la testa. Superba e acerba bellezza in fiore!
Beati i tuoi sedici anni vissuti male! Trascorsi in un carcere sporco,
in una finta cuccia calda, con la ciotola di un latte sempre freddo e scaduto.
Devastata adolescenza: perché di essa non ti sei nutrita?
Perché non hai bevuto la coppa
dei temuti e proibiti veleni, che potevano addormentarti per giorni?
Perfetta gioventù, contenuta tra le righe,bruciata nel non fumare mai
nemmeno una sigaretta, aborrendo gli altri che ne abusavano.
Terrore di quella boccata di proibito che forse,
ti avrebbe fatto crescere,
e che ora odi e ripudi come si fa con un appestato,
sfogando la rabbia nell’adolescenza di tuo figlio.
Svieni e tremi come una foglia al sol pensiero
che lui la possa  toccare.

Tu, stupida e capricciosa bambina,almeno una volta dovevi provarla,
solo una,per capire di starne lontano per sempre.
Ingenua bambola di bisquit, sempre la prima della classe,
quella che nominata dalla maestra col camice nero,
faceva l’appello con superbia.

Ma ora nella vita chi ti chiama?
A chi, devi rispondere con occhi bassi:”presente”.
Ora, alle porte  di un climaterio precoce ed inatteso come il defunto menarca,
se qualcuno ti chiama, con un sussurro rispondi :”assente”.
Non riesci a far tornare indietro l’orologio,a manipolare le lancette
e i fili bianchi che prepotenti e cattivi
spuntano sempre più numerosi nei tuoi capelli e nel tuo pube.
Vendicativi che siete! Non avete pietàdi me e della mia piccola dignità
gridate forte vendetta e rabbia per quello che era e non è più,
quello che è stato e mai più sarà. Nessuno vi sente,
nessun vi risponde, ora siete voi i protagonisti
di questo tempo rimasto da non sprecare.

 

Over 40,50,60 e 70 alla riscossa: e togliamocelo ‘sto grembiule!

I Will Survive
I Will Survive (Photo credit: Wikipedia)

Simpatiche e combattive amiche di ogni età, mi pare giunto il fatidico momento settembrino per fare i nuovi proponimenti in vista dell’ autunno inverno. Il caldo finalmente inizia a calare, al mattino è una delizia camminare e sudare, non mi stancherò mai di proporvelo e di dirvelo: camminare a passo spedito, sgombra la mente e fa dimagrire in modo armonioso. Le entrate in danaro sono calate, le pance ed i fianchi sono invece cresciuti credo per tutte e in quanto donne intelligenti del 2013, dobbiamo fare di necessità virtù ancora una volta.  Se proprio proprio non ci possiamo permettere corsi in palestre, pilates, yoga, piscine, centri estetici…beh! sapete che vi dico: arrangiamoci da sole e saremo sode e toniche ugualmente. Sono molto felice e ciò conferma le mie tesi,  di vedere ogni mattina, tante donne camminare veloci e sicure di sè. Alcune e non più giovanissime addirittura azzardano una corsetta, tutte intente e composte nel compiere il loro esercizio quotidiano.  Le vedo ogni mattina, segno che ci sono anch’io tra le abitudinarie, pur senza conoscerci ci salutiamo con la mano e con un sorriso. Anche il semplice”buongiorno” costa troppo in termini di fiato! Alcune fanno esercizi di stretching con l’ausilio delle molte panchine sparse per Canali, altre muovono (come me) braccia e spalle mentre camminano. E’ una gioia per gli occhi! Finalmente abbiamo capito di “tenerci sù” per noi stesse principalmente,  per i nostri uomini, per i nsotri  gatti o cani, se uomini non ne abbiamo, o per le nostre donne se siamo fidanzate con le nostre consorelle. Quanto è bello vederci sudare, impegnarci, sorridenti ed orgoliose, consapevoli che raggiungeremo poi l’obiettivo finale.  Pensate che da un anno all’altro gli sforzi fatti, si vedono sui nostri corpi e sui nostri visi: alcune hanno tagliato i capelli, il viso è meno timoroso di farsi vedere in giro a sudare, non c’è vergogna o timidezza,  il passo è più spedito ed allenato,  donne che l’anno scorso camminavano o correvano con pantaloni informi e maglie nere, quest’anno, azzardano pantaloncini corti e top fosforescenti, così noi altre le vediamo bene e attingiamo forza e coraggio. Vi dirò,  che anche in casa si possono ricreare momenti di ginnastica ottimale: accendete lo stereo e mettete un CD di Anastacia, ha una grinta tale che fa paura! Le è servita non solo a sconfiggere il cancro al seno, per la seconda volta, ma ti mette voglia di ballare anche se stai facendo la macedonia! é libidinoso tagliare la banana o la pesca al solo ritmo della sua pazzesca voce, vien voglia di liberarsi degli abiti e di ballare pure sul tavolo di cucina! Oppure Tina Turner, un portento! Quando l’ascolto faccio tutto in cucina e rifaccio anche i letti, mentre ballo a tempo, o almeno ci provo. Ma sudo, ma quanto sudo, ballo da sola, canto rido e sudo!  Faccio ridere e vergognare anche mia figlia di anni 8, ma in casa non c’ è nessuno, solo io e lei, cosa c’è da vergognarsi? Quante tossine buttiamo fuori camminando e ballando, non ci rendiamo conto del bene che fa il movimento fisico. Poi Gloria Gaynor, ricordate “I will survive” pezzo eccezionalmente bello e ballabile del 1978? E ancora Whitney Houston, Laura Pausini, Giorgia, Mario Biondi.. e non smetterei più di citarne. Tanti movimenti eseguiti oggi con aggeggi elettrici casalinghi, li possiamo benissimo ricominciare ad eseguire con spalle, braccia, dorsali e pettorali. Ora vi svelo, a quali “armi elettriche” sto cercando di rinunciare per fare ginnastica casalinga: la grattugia, il pelacarote, il robot, la scopa elettrica, il mixer per frullare il minestrone, l’aspirapolvere, la macchina lavavetri elettrica.  Se ci pensate sono tutti movimenti che fanno bene alle braccia “a tendina”, dovute anche ai facili e troppo rapidi dimagrimenti e..portate pazienza anche all’età. Rinunciare anche all’ascensore fa molto bene, facendo le scale a piedi si innalzano i glutei e si rassodano le cosciotte.

Se avete altri stratagemmi per non indossare più quel benedetto grembiule e scoprire finalmente il nostro corpo, armonioso e bellissimo,fatemelo sapere! Sempre vostra.

Gloria