Sono io?

Non mi riconosco però mi piaccio in questa versione ” Marylin Monroe”, mi piace soprattutto il fatto di aver appoggiato la testa sull’erba fresca e folta! Non lo facevo da anni, da quando piccolina nell’erba dei nostri campi mi ci rotolavo!

Il contatto diretto con madre Natura fa ritornare alle ns. origini, a quando tutti quanti appoggiavamo zampe e gambe per camminare! Mangiavamo anche l’erba x sfamarci, ci accoppiavamo sull’erba per procreare i nostri simili. È stata una sensazione meravigliosa sentire il prato sulla testa, nella schiena, sulle gambe nude per la prima volta.

Rimaniamo troppo poco a contatto diretto con la natura, ci perdiamo tutta la sua grinta e la voglia di aiutarci. Siamo solo CAPACI di maltrattarla e di deluderla, con le conseguenze che lei si ribella. Giustamente. Quando non sappiamo cosa fare, andiamo a piedi nudi nell’erb, rotolando come fanno i bambini, assaporiamo il profumo dell’erba appena tagliata. E rinnoviamoci nel pensiero e nel nel modo di porci ai nostri simili, diamo un taglio netto e deciso all’erba troppo alta e ai rami secchi o putridi. Metteremo radici nuove, rinascendo più forti e più duraturi di prima. Ne sono assolutamente convinta.

A