La neve e una pataglia.

Pare che stavolta attacchi per davvero. Ha iniziato un paio d’ore fa mista ad acqua, lentamente, come una donna che si fa desiderare e mai si concede. Poi ha smesso, inducendomi a pensare che si sarebbe fermata. Il tempo di fare colazione ed ha ripreso il suo amplesso, ordinato, lineare, studiato nei minimi particolari. Una danza preparata da mesi che si sta tramutando in realtà. Dai vetri della mia camera da letto, che oggi non abbandono, mi si presenta uno scenario ancora immaturo, non prodigo di abbondanza di bianco, ma con qualche lieve accumulo di neve sul tetto dei dirimpettai e sulle casette in miniatura.

Non è ancora matura per esplodere virulenta e ricoprire col suo soffice manto ogni forma sbagliata che agli occhi si offre. Ella è vanitosa, succulenta, non si ferma di danzare al ritmo celeste, se non quando lo decide lei. Si presta a pulire i pensieri e toglie le ataviche paure. Ci si prende di lei gioco, giocando con lei, la si succhia avidamente quando le labbra sono arse da un desiderio divenuto oramai incontenibile.

Giornata da trascorrere a letto scrivendo e leggendo, oppure vicino alla stufa, con la pataglia tirata su fino al seno per scaldare le morbide cosce e sentire il caldo anche nel cuore. Un giorno nel quale non mi vestiro’ per uscire, ma rim qui a guardarla scendere, mentre fiocco dopo fiocco si posa languida. Un rituale antico che sa di buono, che evoca mattine con i calzettoni al ginocchio e quelle cosce ora calde, allor gelate! La mia pataglia grida vendetta! Vorrebbe esser tolta per far posto ad indumenti più consoni alla donna che l’indossa. Si accomuna alla veste nevosa che scende e nasconde corpi bistrattati e non più amati, corpi deformi e tetti barcollanti. La tolgo: ho deciso! La butto nella neve e lascio che si uniscano in un amplesso amoroso di pura passione, che durerà il tempo di un orgasmo senza inizio e senza fine, senza orologi a sancire un tempo che non ha ragion di SCORRERE! Cadi o neve vergine e bianca e purifica tutto ciò che ha bisogno di essere risanato, fai strati d’amore e di forza, mescola baci a schiaffi, riunisci i corpi e le menti di chi si è dissolto e slegato dalla ragione vera. In fondo tu sei utile ed arrivi per questo, nevvero?

Autore: Fabiana

Sono nata il 6/6/64. tutto il resto é noia, mi trovi su SHPOCK, su VINTED, SUBITO.IT. SE HAI BISOGNO CHIAMAMI X COSE SERIE al 3204380039!

26 pensieri riguardo “La neve e una pataglia.”

    1. Ciao Quarc! È un termine reggiano/parmense che significa camicia da notte, vestaglia e che definisce una donna non vestita con abiti da giorno. In francese si direbbe” essere in deshabille’, ( non ho gli accenti giusti sulla tastiera) , quindi non in ordine, mezza spogliata. La pataglia è quindi l’abbigliamento da notte! Non l’ho buttata dalla finestra anche se ero tentata di farlo. Peccato che non nevica più, ma ne hanno prevista altra domani e nel Week end! Se ci azzecheranno! Felice pomeriggio. A proposito tu sei vestito o in pataglia??🌻🌻🌻🌻

      "Mi piace"

      1. Buongiorno Quarc, stamattina ce ne sono parecchi cm qui da me. Direi che ha attaccato bene, le strade sono comunque pulite. Oggi niente camicia da notte, le incombenze quotidiane chiamano!

        "Mi piace"

      1. Buona domenica a te Gianpaolo! Oggi ho dovuto rinunciare a fare mercatino del vintage causa malefica ernia al disco, che si è rifatta viva già da diversi giorni. Pazienza! Passerà anche questa volta con tempo e cure.

        Piace a 1 persona

      2. Sono anni che mi perseguita. Solo che io faccia qualche sforzo in più, illudendomi che non ce l’abbia, la bestiaccia si ribella. D’altronde nessun chirurgo si sente di operarmi ed io so di persone che dopo stanno peggio, per varie ragioni. Qualcuno ha perso la sensibilità nel piede o nella gamba e un mio caro amico dopo 4/5 interventi, ha perso l’uso della gamba e viveva solo grazie alla morfina per lenire i dolori insopportabili. Capisco che è un caso estremo, ma alla fine stanco, si tolse la vita.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...