La vita è bella!

Sono molto indecisa se mettere nel titolo un punto interrogativo o esclamativo. Nel dubbio, lascio un punto asettico. Punto e chiuso. Ha diverse sfaccettature questa che chiamiamo vita: un cubo di Rubik con più di 6 facce, molte di più. Un’ enigma grandioso da risolvere, difficile, che nessun scienziato o “professorone” riuscirà mai a decifrare. Quanto e come sia bella è soggettivo, puramente personale, dipende da moltissimi fattori. Lo stato d’animo ad esempio, può determinare l’andamento di un periodo con tutti i pro ed i contro che si porta dietro e noi possiamo viverlo in modo diverso. è bella la vita? Solo per brevi e fuggevoli attimi, così veloci che quando ci accorgiamo che stiamo bene, quegli attimi se ne sono già volati via.
Acchiappare i momenti gioiosi? Impresa ardua anzi! impossibile amici, possiamo solo guardarli andare via lentamente come se guardassimo gli ultimi fotogrammi di una pellicola che riproduce un bellissimo film. Potremmo guardarlo ancora, potreste rispondermi! No amici: la macchina del tempo che va all’indietro non l’abbiamo ancora inventata, quella che va in avanti la stiamo sperimentando sulle nostre pellacce. Possediamo solo una delle facce del cibo quella che ci fa vivere, spesso male, l’attimo presente. E non abbiamo ancora imparato a goderne e ad usarla con intelligenza. questa è la mia idea. mi piacerebbe condividerla con voi cari amici e lettori. per scrivermi: faby1964@alice.it

E’ venuto su?

Frase impropria che si usa spesso dire quando si aspetta che il caffè salga dalla moka e sia pronto x essere bevuto.

Si usa anche in riferimento a ragazzi o ragazze x indicare come e quanto sono cresciuti! sia in altezza ” mamma mia quanto è venuto su!” oppure ” però! è venuto su bene questo ragazzo”! riferendosi al comportamento educato dello stesso.

spero che anche stasera la pizza venga su bene, cioè abbia una lievitazione alta e morbida in modo tale che non si pianti nello stomaco! ringrazierò sempre mia suocera che mi tramando’ ” il segreto” per renderla così soffice e digeribile @
ed infine mi viene sulle labbra spontaneo un sorriso, se penso a questa veritiera frase del DALAI LAMA che mi fa riflettere e mi dovrebbe far venire su i capelli bianchi che peraltro, senza tinta da un mese e mezzo ora in qualche parte della zucca si vedono proprio bene!
per gli acquisti di oggi vi propongo un trio inglese fine ‘800 composto da: vaschetta con forellini x lavare e scolare bene la frutta. un sotto piatto per portarla in tavola ed infine una vaschetta per il sapone con grata all’interno affinché la saponetta non ristagni nell’acqua producendo batteri e virus!
firmato CROWN DEVON SERIE ERIN CON SUA NUMERAZIONE

Il nemico invisibile

I dati alle 18.30, sono ancora troppo alti. bisogna chiudere di più, e che cosa? oggi a Reggio Emilia e Canali non volava nemmeno una Mosca. cosa si può fare ancora x vincere questo nemico acerrimo che non guarda in viso nessuno?
tutto ricrescera’, tutto cambierà,noi siamo già cambiati. Io non sono più la stessa da quando questo tsunami si è abbattuto su di noi. Andrà tutto bene, ce la faremo, stiamo tutti uniti? ma andiamo un po‘ affanc…tutti quanti! Perché Conte ha dormito in piedi?
la primavera è arrivata lo stesso e sta facendo il suo corso, peccato non goderla appieno quest’anno! mi mancano molto le mie camminate quotidiane di un’ora abbondante, in compenso ho iniziato a fare gli addominali sul tappeto in sala. uno di quegli esercizi fisici che ho sempre odiato ma che ora svolgo con regolarità.
ho riscoperto la gioia e la simpatia che mi davano anni fa le immagini GIF, cioè quelle in movimento, forse ritorno indietro negli anni e apprezzo le cose più semplici?
mi manca anche lei, anche se litighiamo spesso come fanno le sorelle, mi mancano i suoi abbracci ed i suoi baci, le chiacchierate lunghissime sul divano, i suoi consigli perché lei è quella grande ed io sono la piccola! meno male che hanno inventato le video chiamate!

difficile dirlo

come stai? non riesco a rispondere a questa domanda, mi sembra di essere dentro ad un film dell’orrore, un brutto incubo e non riesco ad uscirne.
cammini? mah sì. faccio il giro dell’isolato 5 volte distanza da casa mia circa 300 mt oltre da oggi non si può fare.
mangi? pure troppo! stando molto in casa non faccio altro che cucinare, sperimentare, fare scorte, spiccare e poi la bilancia protesta ed il colesterolo pure.
continui a vendere il tuo vintage? mah si, meno con i problemi più gravi che ci sono oggi, però mi tengo impegnata sempre.
e l’amore come va? passiamo alla domanda successiva.
perché questa foto? non lo so, forse ero veramente arrabbiata, poi nel salviettone ci sono 2 dei colori Italiani, infine perché se si potesse con un morso strappare via tutto quanto ognuno darebbe una grossa morsicata.
come vorresti concludere questa chiacchierata tra me e te cara schianchi? Dicendo che al primo posto ci sono loro, che li amo immensamente, e che prego stiano bene e non si ammalino.

noi tre insieme x sempre.

Come va come va? tutto ok tutto ok?

….diceva uno dei famosi tormentoni degli altrettanto tormentati Albano & Romina.  Sono nate iniziative folkloristiche soprattutto nelle grandi città x esorcizzare il grande male.  assistiamo a canti popolari  e tarantelle da un balcone all’altro
tamburelli e tra la la, luci e lumini accesi alla stessa ora x illuminare meglio la situazione.
Poi ci sono le frasi della speranza e del buonismo sempre x far finta che vada tutto normalmente: andrà tutto bene, insieme ce la faremo, io sto in casa (  che poi non è vero perché da me il sindaco ha dovuto  chiudere 3 grossi parchi x affluenza  sconsiderata di persone)  un’interminabile applauso  a tutto il personale sanitario oramai allo stremo delle forze e delle attrezzature….sono tutte  cose carine, fatte x passare anche il tempo ma non bastano e non risolvono. Portano un sorriso ed un  lucino di speranza ma non risolvono purtroppo la grave situazione che si sta ampliando a macchia di leopardo. Stanno arrivandomi messaggi e mail anche da chi non sentivo da decenni  sembra che il mondo stia  finendo. seguiamo in modo scrupoloso le regole  che ci hanno dato, mangiamo ( poco) lo stare in casa induce a mangiare troppo, chissà che in mezzo a questa catastrofe non si riesca a cambiare modalità di vita e di abitudini anche x il dopo virus.  se ci sarà un dopo corona sicuramente nessuno di noi sarà più come prima

NON ABBIAMO ANCORA CAPITO@

quando c’è in atto una pandemia di questa portata la mente umana si rifiuta di credere che stia succedendo o che la portata sia così grave. Fare finta che vada tutto così così dice dicendoci che andrà tutto bene non migliora la situazione. Dobbiamo chiudere le fabbriche,le aziende, e tutte le altre enormi realtà aziendali che possono rimanere fdrme. Non pe siamo ai dipendenti che dentro vi lavorano gomito a gomito? Occorre tutelare subito anche loro per evitare una diffusione enorme del virus. Fermiamo il mondo per pochi giorni per non fermarci noi per sempre!

nfo

#iostobeneincasa

i
LA DECISIONE DI CONTE
di rimanere in casa x tutta ITALIA FINALMENTE per me è una soddisfazione e mi chiedo perché non ha preso prima questa decisione necessaria. La vedo come una grande opportunità di ritrovarmi/ ci e di sciogliere nodi interni ed esterni con calma ed i introspezione, dentro le mura di casa.
dal momento che qui non siamo in Cina dove vige un regime ben preciso e dittatoriale dove se esci e non puoi ti sparano punto, qui da noi si vuole fare l aperitivo! I soliti coglioni italiani che vogliono far baldoria e sotto valutare il problema. se penso che uno dei percorsi in campagna più famoso a Reggio Emilia che copre .molti km domenica complice il sole era invaso dalle cavallette che si abbracciavano , facevano altro che aggregazione….insomma il ns sindaco si è incavolato non poco @ ed aveva ragione!
se penso ai miliardi di cose che ho trascurato in questi anni o che ho fatto male, ora corona o non corona mi viene data l’opportunità di mettere ordine nella mia giornata e nella mia vita.

credo che sia un provvedimento tutto sommato ancora leggero morbido ma se non la smettiamo di fare i deficienti urgeranno altre misure ancora più drastiche! Ma insomma vogliamo debellato questo virus o ce lo vogliamo tenere sino a Natale e trovarlo sotto all”albero?

Luca Vecchi ns sindaco nel rimprovero serale a tg Reggio dove si intravedono le mani che vogliono dire” che 2 palle non avete proprio capito niente”

$

$stateincasavostra ma non avete proprio nulla da fare?

Zona rossa in tutti i sensi.

Che Reggio Emilia e Modena assieme ad altre province emiliane, fossero rosse ex et ancora comuniste lo sapevano anche le nutrie. Da oggi 8 marzo festa della donna che credo.non si abbia voglia di festeggiare, siamo diventati zona al limite del rosso anche noi. Da oggi nascono limitazioni, divieti, orari diversi, modalità di vita che ci costringeranno a drastici cambiamenti nelle ns libertine giornate.
guardandolo dall” unico lato positivo avremo forse ( dico forse) meno inquinamento, meno pattume, meno odoracci provenienti dai kebab e dai ristoranti, meno auto in strada,meno discoteche aperte…
meno di tutto e più tempo x riflettere. Si è arrivati ad un punto ove ognuno di noi è satollo, pieno e stra pieno dell” inutile e del superfluo nonché inquinabile. Un po’ di sano esercizio mentale solitario o con gli stretti famigliari non può nuocere a questa società marcia e che ogni giorno sta diventando sempre più putrida. Motivi e tematiche sarei banale e sciocca a ricordarle
Alleniamoci a tornare un poco indietro ai tempi dell” austerity quando giocavamo in strada e le auto non circolavano. Io personalmente non ho paura di questa influenza, ho paura e temo la gente che la sta gestendo e come è stata gestita male sin dall inizio. mi disturba non poter circolare liberamente con la mia auto e questo senso di libertà che fino a ieri avevamo e ci sentivamo Dio! onnipotenti e onnipresenti come non ci fosse un domani. forse ora il virus il.domani ce lo toglie e se non ce lo toglierà del tutto sicuramente ce lo modificherà di parecchio.